Home Curiosità Bioedilizia: corso di finitura in cocciopesto impermeabile

Bioedilizia: corso di finitura in cocciopesto impermeabile

pubblicato il: - ultima modifica: 6 Agosto 2020
corso cocciopesto bioedilizia

corso cocciopesto bioediliziaA Fortunago, nelle colline dell’Oltrepò Pavese, si svolgerà, dal 20 al 22 febbraio 2015, il primo corso di finitura in cocciopesto impermeabile organizzato dalla Rete Solare per l’Autocostruzione in Lombardia.

Il corso è patrocinato dal Forum Italiano Calce e sarà ospitato in un edificio realizzato in balle di paglia, utilizzando materiali di bioedilizia.

Il cocciopesto è un rivestimento murale a base di puro grassello di calce aerea addizionata a polvere ottenuta da coppi e laterizi frantumati. Questo aumenta la resistenza all’acqua e la possibilità di applicazione in esterno. Se opportunamente steso e trattato ha ottime proprietà idrorepellenti è può essere utilizzato per impermeabilizzare bagni o superfici a contatto con l’acqua.

Le sue caratteristiche di traspirabilità e igroregolazione lo rendono ideale per il risanamento naturale dei muri umidi. È una tecnica fenicia adottata dai Romani, utilizzata in maniera massiccia in acquedotti, cisterne, strade, pavimenti e terme, che si ritrova tuttora in moltissime aree archeologiche in tutta l’area mediterranea.

Viene usata come finitura per muri ma anche come pavimentazione, ed è tuttora praticata in Italia da artigiani professionisti. Può avere colorazioni che vanno dal giallo ocra al rosso chiaro a seconda del colore dei laterizi impiegati. È un materiale ideale per applicazioni di bioarchitettura perché naturale al 100%, traspirante, igroregolatore e di pregevole effetto estetico.

Nel corso si realizzerà il rivestimento in cocciopesto impermeabile per una stufa in muratura, oltre al rivestimento alcuni altri oggetti dell’edificio costruito in balle di paglia.

Durante il corso si partirà dalla preparazione del cocciopesto, che si otterrà frantumando vecchi mattoni con la molazza. Esso verrà poi addizionato a puro grassello di calce, per poi essere steso sulle pareti e lavorato con attrezzi e pietre per renderlo compatto e idrorepellente.

Infine sarà passata una mano di sapone naturale diluito per aumentare l’impermeabilità e la lucidatura. Il corso di finitura in cocciopesto impermeabile è diretto dal maestro Danilo Dianti, che ha una esperienza utraventennale nell’utilizzo di pitture e intonaci esclusivamente naturali e dall’architetto Daniela Re esperta di risparmio energetico e calci naturali.

Per il laboratorio verrà usato puro grassello di calce aerea naturale invecchiato e certificato e cocciopesto ottenuto dalla frantumazione dei laterizi. Durante il corso si potrà assistere al ciclo completo della preparazione dell’intonaco, proprio come facevano gli antichi romani. Durante il corso verranno fornite tutte le informazioni teoriche sul ciclo della calce, i materiali utilizzati, le finiture possibili. Alla fine del corso di finitura in cocciopesto impermeabile verrà rilasciato un attestato di partecipazione.

Condividi: