Home News Italia Legno Energia: prima edizione promossa a pieni voti

Italia Legno Energia: prima edizione promossa a pieni voti

pubblicato il: - ultima modifica: 7 Agosto 2020
italia legno energia

italia legno energiaItalia Legno Energia ha visto la partecipazione di oltre quindicimila visitatori in tre giorni, con più di seimila preregistrazioni sul sito prima della manifestazione.

Quasi centocinquanta espositori provenienti da 19 Paesi di tutto il mondo su 20mila metri quadrati di superficie espositiva.

Sono stati circa trenta gli eventi che hanno arricchito il programma, tra convegni, dimostrazioni e seminari di approfondimento di un settore che tocca da vicino i consumatori e che al contempo mette in moto un’economia importante che ha sempre più potenzialità in Italia.

“La buona riuscita testimonia la crescente importanza del settore” commenta Ado Rebuli, presidente di Piemmeti Spa “sostenibilità ambientale ed economica sono temi a cui è necessario guardare su scala globale e se già con Progetto Fuoco a Verona Fiere lo dimostriamo da anni, in Italia Legno Energia abbiamo trovato la conferma del sensibile interesse da parte dei partecipanti”.

Dal bosco al camino è il sottotitolo di questa manifestazione che è stata voluta dagli organizzatori di Progetto Fuoco, evento fieristico leader nel settore che va in scena ogni due anni a Verona Fiere, con l’obiettivo di creare continuità con l’evento biennale proponendosi al pubblico del centro sud Italia.

Innovazione tecnologica e attenzione al design dei produttori sono stati i fili conduttori di questa prima edizione: dalle caldaie ai grandi impianti, dagli accessori agli operatori del settore, oltre agli apparecchi domestici. Le stufe a pellet protagoniste, con le opportunità del Conto Termico, a testimonianza del fatto che l’Italia è il primo consumatore mondiale di pellet, con 3,3 milioni di tonnellate bruciate nel 2013. Il consumo di cippato è stato di 4,7 milioni di tonnellate e quello della legna di 19,3. A Italia Legno Energia ben rappresentato anche il settore di stufe e camini, che nel futuro puntano sul design.

Il parco italiano degli impianti a legna è costituito da 7,9 milioni di impianti (stufe, camini e cucine), 1,9 milioni di apparecchi a pellet (stufe, cucine e camini), 800.000 caldaie, 87 impianti di teleriscaldamento di potenza inferiore a 1 megawatt e 95 superiori. Il tutto ha portato nel 2014 a un consumo di 27,3 milioni di tonnellate di legna.

“Un successo che conferma le nostre aspettative” aggiunge Raul Barbieri, direttore di Piemmeti Spa “e una scommessa vinta di fronte a un settore in crescita, che coinvolge sempre più famiglie che vanno in questa direzione; alla Fiera di Arezzo abbiamo messo insieme tecnologia, design, eco compatibilità trovando un ampio consenso dagli espositori da un lato, ma soprattutto dal pubblico che incuriosito e attratto dai vantaggi di questa filiera si è avvicinato per scoprirne da vicino le opportunità”.

In tre giorni ad Arezzo una intera filiera ha trovato spazio per presentarsi e per promuovere le iniziative volte al suo miglioramento. Dalla petizione contro l’aumento dell’Iva sul pellet lanciata da Aiel, alla riunione degli spazzacamino dell’Anfus, passando per incontri di approfondimento che hanno visto scegliere Italia Legno Energia dal Mipaaf, nella figura del Sottosegretario Giuseppe Castiglione, come sede per lanciare la nuova legge quadro del settore.

“Insieme a Progetto Fuoco, questa manifestazione diventa strategica per il mercato del centro sud Italia” commenta Marino Berton, direttore generale di Aiel, partner tecnico di Italia Legno Energia “e alla luce dei dati di questa prima edizione non possiamo che cominciare a investire per quella del 2017”.

Condividi: