Home Curiosità Electric Road: i pionieri della sostenibilità sono in pista

Electric Road: i pionieri della sostenibilità sono in pista

pubblicato il: - ultima modifica: 6 Agosto 2020
auto elettrica hera

auto elettrica heraSono state consegnate le auto elettriche ai vincitori del concorso Electric Road di Hera: sei imolesi, tre donne e tre uomini, potranno utilizzarle gratis per tre mesi; 376 le domande pervenute.

Attraverso un diario di bordo online si potrà seguire la loro avventura.

Sonia Sozzi, Daloris Rossi, Giorgio Colangeli, Giuseppe Torsiello, Nicoletta Tonelli, Sonia Brunelli; sono questi i sei vincitori imolesi del ideato e realizzato dal Gruppo Hera per promuovere la mobilità elettrica.

Ciascuno dei neo ecopiloti ha ricevuto a Imola le chiavi di un’auto elettrica che potrà utilizzare in modo assolutamente gratuito per tre mesi.

Oltre all’uso della vettura, infatti, avrà a disposizione una card che gli permetterà il rifornimento gratuito e illimitato in tutte le colonnine di ricarica abilitate. Chiunque potrà seguire da vicino la loro esperienza attraverso un diario di bordo online che raccoglierà interviste e immagini di questa avventura.

Chi appassionato di pesca e chi di fotografia, alcuni instancabili sportivi e altri che adorano la tranquillità del tempo trascorso in famiglia. Segni particolari eterogenei, con un denominatore comune: la voglia di sperimentare in prima persona la mobilità elettrica. Un sestetto perfettamente assortito che da oggi potrà, come recita lo slogan del progetto, provare gratis la mobilità di domani.

I sei vincitori sono stati sorteggiati su 376 domande pervenute da clienti imolesi di Hera. La multiutility ha, infatti, voluto dare vita a questo concorso per avvicinare i propri clienti di Imola e Modena, dove gestisce la rete elettrica, al mondo della mobilità sostenibile. Le vetture consegnate stamani sono di casa Renault, nei modelli Twizy, Zoe e Fluence Z.E.

I piloti di Electric Road saranno su strada fino a metà giugno e in questi tre mesi i vincitori imolesi saranno affiancati e assistiti dallo staff di Hera, che racconterà l’evoluzione di Electric Road attraverso un diario di bordo ospitato sul sito internet del progetto, sul quale saranno caricati i profili dei piloti e una serie di contenuti multimediali che trasformeranno ciascuna delle loro esperienze in una storia all’avanguardia. Tutti potranno seguirli da vicino per conoscere e avvicinarsi al mondo della mobilità elettrica.

Sono 10 le colonnine di ricarica a disposizione in città, più altre 3 appositamente installate gratuitamente da Hera in altrettante case di ecopiloti. Durante questo periodo potranno ricaricare gratuitamente il veicolo in qualsiasi momento e saranno accompagnati alla scoperta della mobilità elettrica, di cui potranno conoscere da vicino i diversi aspetti, sperimentare la riduzione dell’impatto ambientale, passando attraverso un’esperienza di guida unica che li porterà anche a poter viaggiare in zone normalmente precluse al traffico, come il centro storico cittadino.

L’esperienza su Imola è stata anticipata da quella di Modena, che si è conclusa a metà febbraio, con risultati molto positivi. In 3 mesi le sei vetture hanno percorso quasi 19.000 km con un risparmio complessivo di circa 2.000 euro. I vincitori modenesi hanno apprezzato in particolare la modalità di guida delle vetture, silenziosa e maneggevole e la facilità con cui è stato possibile ricaricarle, con la consapevolezza di guidare senza arrecare alcun danno all’ambiente.

Il Gruppo Hera è attivo da anni nella costante ricerca di soluzioni che consentano alla mobilità elettrica di diventare un’opzione concreta e praticabile. Nell’ambito del progetto Mi muovo elettrico, condotto dalla Regione Emilia Romagna assieme a Hera, Iren ed Enel, la multiutility ha collaborato allo sviluppo di una rete di colonnine di ricarica basata sul principio dell’interoperabilità: grazie a una stessa tecnologia, chi è cliente abilitato e possiede un’auto elettrica può ricaricare presso qualunque gestore di riferimento.

In questo contesto Hera Comm, società di vendita del Gruppo Hera, offre a tutti la possibilità di sottoscrivere l’offerta Io guido elettrico che, con un canone di 25 euro al mese, consente ricariche illimitate su tutto il territorio nazionale. L’offerta garantisce la provenienza dell’energia elettrica da fonti rinnovabili e rende possibile una mobilità elettrica di raggio extraurbano, rappresentando un incentivo importante per chi, per esempio, vive e lavora lungo la dorsale della Via Emilia.

Sono state avviate, inoltre, collaborazioni con enti pubblici e aziende, che hanno installato le colonnine di ricarica di Hera per la mobilità sul lavoro dei propri dipendenti. L’intero servizio si interfaccia con un portale web, L’Hera della mobilità elettrica, e con Hera Mobility, app gratuita per iPhone e iPad, due strumenti che permettono di conoscere in tempo reale collocazione e disponibilità delle colonnine di ricarica su tutto il territorio nazionale.

Electric Road è molto di più di un semplice concorso a premi” spiega Cristian Fabbri, Amministratore Delegato di Hera Comm “I vincitori formano un team di veri e propri pionieri, persone che assieme a noi raccolgano la sfida della mobilità elettrica e, per conto di tutti, proveranno veramente a misurarsi con essa, familiarizzando con la nostra rete di colonnine per la ricarica e aiutandoci a capire quali siano i punti su cui lavorare ancora per migliorare il servizio”.

“Sono lieto di poter consegnare le chiavi delle auto elettriche a sei imolesi” commenta Daniele Manca, Sindaco di Imola “È un’iniziativa interessante perché permette ai vincitori di sperimentare nel quotidiano le potenzialità di questo tipo di mobilità, applicata alle attività che ognuno svolge normalmente: il lavoro, la famiglia, le varie commissioni, il tempo libero. Potranno capire i pro e i contro di questa scelta, magari suggerendo soluzioni pratiche per superare qualche criticità. Mi piace pensare che i nostri sei concittadini, alla luce dell’esperienza fatta, possano diventare i migliori testimonial della mobilità elettrica attraverso questa Electric Road“.

Condividi: