Home Imprese Sostenibili La pista di Pietro: il riciclo di scarpe da ginnastica esauste

La pista di Pietro: il riciclo di scarpe da ginnastica esauste

pubblicato il: - ultima modifica: 6 Agosto 2020
scarpe sportive esauste

scarpe sportive esausteGrazie all’iniziativa La pista di Pietro le vecchie sneaker che si trasformano in piste di atletica e le scarpe da ginnastica esauste diventano pavimentazione anti-caduta per le aree giochi dei bambini.

E una grande raccolta permanente delle calzature sportive usate nelle scuole di Roma, per ridurre l’impatto ambientale e incentivare la cultura del riciclo tra le ragazze e i ragazzi.

È l’iniziativa presentata a Roma nella scuola Media Cattaneo di Testaccio dall’assessore a Scuola, Sport, Politiche Giovanili e Partecipazione di Roma Capitale Paolo Masini, dalla presidente di ACEA Catia Tomasetti e da Nicolas Meletiou, Presidente di GOGREEN onlus e fondatore del progetto esosport.

L’iniziativa La pista di Pietro, ispirata al corridore Pietro Mennea, ha come obiettivo quello di minimizzare l’accumulo dei rifiuti in discarica e ottenere la generazione di materia prima seconda che Roma Capitale metterà a disposizione per la produzione di piste di atletica e aree giochi a cura di enti privati, associazioni e cittadini.

Istituto per il Credito Sportivo, CONI Lazio, Federbalneari e Maratona di Roma hanno annunciato il loro contributo per la realizzazione delle strutture. Ha aderito all’iniziativa anche Manuela Olivieri Mennea, moglie del campione olimpico dei 200 metri piani a Mosca 1980 e detentore del primato mondiale per 17 anni.

Manuela Olivieri ha donato alla campagna le scarpe da corsa del corridore: da esse proverrà una piccola porzione di materiale che sarà impiegato per la pavimentazione di ciascuna pista di Pietro. Il progetto La pista di Pietro si affianca a Il Giardino di Betty, iniziativa in memoria di Elisabetta Salvioni Meletiou, lanciata negli anni scorsi da Esosport, il primo e unico progetto di riciclo delle scarpe sportive in Italia e in Europa.

I raccoglitori delle scarpe da ginnastica usate saranno posizionati da aprile in 100 istituti della Capitale. Gli impianti sportivi e le scuole che vorranno raccogliere le scarpe per riqualificare o realizzare una propria pista di atletica o la propria area giochi potranno scrivere agli indirizzi [email protected] e [email protected]

“Il progetto che presentiamo ci consente di rafforzare il legame virtuoso tra sport e buone pratiche ambientali come il riciclo e il riuso” ha detto l’assessore a Scuola, Sport, Politiche Giovanili e Partecipazione Paolo Masini “Con la pista di Pietro i ragazzi delle nostre scuole potranno contribuire alla realizzazione di nuove strutture con un gesto intelligente e orientato alla sostenibilità ambientale. E le scarpe di uno dei più grandi campioni di questo Paese saranno il vero lievito madre, che sarà presente in tutte le strutture che insieme saremo in grado di realizzare”.

“Giovani, pratica sportiva e ambiente sono al centro della nostra azione sul territorio e delle iniziative che supportiamo a favore della cittadinanza” ha dichiarato la Presidente di Acea Catia Tomasetti “Per questo la Pista di Pietro ci ha subito conquistato, in quanto capace di coniugare in modo originale il rispetto dell’ambiente e lo sport. Riciclare le scarpe usate e vederle trasformate in qualcosa di utile all’attività sportiva e al gioco dimostra concretamente ai ragazzi quanto sia importante coltivare la cultura del riciclo, soprattutto se creativo”.

“Siamo felici all’idea che una Città come Roma, abbia aderito al nostro progetto” afferma Nicolas Meletiou, Presidente GOGREEN onlus e fondatore del progetto Esosport “Il fatto che anche sul territorio della Capitale, dalle scarpe sportive esauste, nasceranno La Pista di Pietro e i Giardini di Betty non può che essere per noi un motivo di grande soddisfazione. Essere riusciti a coniugare la passione per lo sport, all’impegno ambientale ed ecologico rende la nostra iniziativa ancora più apprezzabile e, si spera, di buon esempio per altri comuni Italiani”.

Per l’estate appositi Esobox sport di raccolta saranno presenti anche negli stabilimenti balneari del litorale romano, dove sarà possibile conferire calzature e infradito estive usate. Il progetto Esosport è realizzato da Roma Capitale, ACEA e GOGREEN Onlus.

Condividi: