Home Green Jobs Enertour 4 students, concorso di idee per gli universitari

Enertour 4 students, concorso di idee per gli universitari

pubblicato il: - ultima modifica: 8 Settembre 2020
enertour 4 students

enertour 4 studentsFotosintesi artificiale, abbigliamento fotovoltaico, macchina cattura fulmini, materiali piezoelettrici, fattorie hi-tech: sono solo alcune delle idee per affrontare il futuro energetico proposte al concorso nazionale Enertour 4 students.

Il concorso, che nel 2015 giunge alla sua quarta edizione, si propone di appassionare i giovani al mondo delle energie rinnovabili: per questo li invita a elaborare la loro visione di un futuro energeticamente sostenibile.

La partecipazione al concorso Enertour 4 students è gratuita ed è rivolta agli studenti di tutte le facoltà italiane interessati al mondo delle energie rinnovabili e dell’efficienza energetica in edilizia, desiderosi di proporre una soluzione innovativa al problema energetico in Italia.

In palio per gli studenti un viaggio studio all inclusive alla scoperta dell’Alto Adige, la Green Region d’Italia; durante il soggiorno i vincitori potranno visitare innovativi impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili, edifici CasaClima energeticamente sostenibili, comuni 100% rinnovabili e potranno ascoltare dalla viva voce di amministratori pubblici e progettisti le strategie che Bolzano metterà in campo nel prossimo futuro per ridurre i consumi energetici e le spese per i cittadini.

Il premio infatti consiste in una visita tecnica guidata enertour formato maxi. I vincitori, inoltre, durante un incontro con aziende e istituzioni leader nel settore energetico, avranno l’opportunità di presentare i loro progetti.

I promotori di Enertour 4 students, TIS innovation park e Fondazione Cassa di Risparmio di Bolzano, sotto il patrocinio del Ministero dell’Ambiente e della tutela del Territorio e del Mare e dell’Associazione di Fondazioni e Casse di Risparmio italiane ACRI, concretizzano, così, la volontà di voler investire nel coinvolgimento dei giovani.

Condividi: