Home Curiosità Pulisci e corri, 400 chilometri per salvare l’ambiente

Pulisci e corri, 400 chilometri per salvare l’ambiente

città: - pubblicato il:
pulisci e corri

pulisci e corriUna corsa di otto giorni; quattrocento chilometri attraverso tre Regioni, percorrendo a piedi strade e sentieri e rimuovendo rifiuti abbandonati lungo il percorso.

Questo lo spirito di Pulisci e Corri, evento centrale italiano del secondo European Clean Up Day, la campagna di comunicazione realizzata da una rete di attori europei che promuovono azioni di sensibilizzazione sul tema del contrasto all’abbandono dei rifiuti (littering), che si terrà in tutta Europa dall’8 al 10 maggio.

L’iniziativa è stata presentata questa mattina al Ministero dell’Ambiente e del Territorio e del Mare, partner dell’iniziativa.

L’eco-trail partirà da Aosta sabato 9 maggio e si concluderà sabato 16 maggio, a Ventimiglia. In ognuna delle otto tappe i due atleti, Cavallo e Alotto, percorreranno circa 50 chilometri, attraversando vallate, colli e passi di Valle d’Aosta, Piemonte e Liguria. Inoltre, in ogni Comune sede dell’arrivo delle varie tappe, la popolazione, a partire da scuole, famiglie e Associazioni del territorio, sarà invitata a partecipare a momenti di sensibilizzazione, animazione e pulizia del territorio.

Un incontro-dibattito quotidiano sarà occasione per presentare in tempo reale i dati legati all’azione di pulizia effettuata durante il giorno e i risultati dell’evento sportivo. Ogni tappa prevedrà inoltre un tema specifico, legato all’approfondimento di particolari filiere di rifiuto, e la presenza di testimonial (istituzionali, sportivi, del mondo dello spettacolo).

L’iniziativa vuole sensibilizzare la popolazione e i media sul fenomeno del littering, ponendo l’attenzione sull’origine di tali rifiuti. La scelta di incentrare l’evento sportivo negli eco-sistemi montano e marino, infatti, nasce dalla consapevolezza che oltre il 70% dell’inquinamento dei mari ha origine nell’entroterra. Oltre alla pulizia del territorio in senso stretto, saranno anche messe in risalto le filiere virtuose di gestione e trattamento dei rifiuti.

“I rifiuti, se ben recuperati, rappresentano una risorsa per la nostra economia” dichiara il Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Gian Luca Galletti “Importante quindi questa iniziativa, che punta a sensibilizzare e coinvolgere i cittadini sul tema del contrasto all’abbandono dei rifiuti, il cosiddetto littering. Solo diffondendo buone pratiche e lavorando sull’educazione dei giovani potremo diffondere un modello di economia ambientale e sostenibile”.

“Iniziative di sensibilizzazione come la Pulisci e Corri vanno nella stessa direzione che il Ministero sta seguendo, ovvero quello di rendere i cittadini sempre più consapevoli e responsabili delle problematiche ambientali” aggiunge il Sottosegretario al Ministero dell’Ambiente, Barbara Degani “Come Ministero ci stiamo impegnando molto perché il percorso di introduzione dell’educazione ambientale nelle scuole sia il più veloce ed efficace possibile e siamo felici di sostenere la Pulisci e Corri che coinvolgerà tanti giovani nei momenti di pulizia del territorio”.

“Abbiamo deciso di organizzare e intraprendere un’impresa come la Pulisci e Corri perché crediamo che sia giunto il momento di catalizzare l’attenzione sul problema dell’abbandono dei rifiuti, che deturpa e distrugge il patrimonio naturale della nostra terra” spiegano Roberto Cavallo e Oliviero Alotto “Durante la serate in cui incontreremo la popolazione parleremo anche dell’origine di questi rifiuti, evidenziando come per esempio il 70% degli oggetti che inquinano i mari provengano dall’entroterra”.

All’iniziativa hanno aderito a vario titolo diverse personalità del mondo dello sport, della politica e dello spettacolo, della politica come Ignazio Marino, Augusto Rollandin, Laura Morante, Giuseppe Cederna, Luca Mercalli, Andrea Segrè, Cristina Gabetti, Syusy Blady, Lucia Cuffaro, Mauro Berruto, l’HC Valpellice Bodino Engineering, Franco Collè, Marlene Kuntz e Lou Dalfin.

Pulisci e Corri è reso possibile grazie alla sensibilità di CONAI e i Consorzi di filiera, Tetra Pak Italia, Greentire, Co.Ri.Pet, Riccoboni Holding, Demap, ERICA e degli sponsor tecnici Dronefarm, Gli Aironi, Comodeshop, Albafisio e Wikiwaste.