Home Curiosità Trasporti refrigerati: il sistema che sfrutta il calore del motore

Trasporti refrigerati: il sistema che sfrutta il calore del motore

trasporti refrigerati

trasporti refrigeratiVerrà presto testato su strada il primo prototipo di camion per i trasporti refrigerati raffreddato con una promettente tecnologia che garantisce maggiore efficienza e minori costi.

Si tratta di un nuovo sistema messo a punto nell’ambito del progetto europeo coordinato dall’ENEA, HP-ACS Metal Hydride Heat Pump for Waste Heat Recovery in Vans Refrigeration Systems.

Attualmente la refrigerazione, necessaria in primo luogo per i trasporti refrigerati alimentari, si ottiene con sistemi di aria condizionata prodotta da compressori che bruciano molta energia, fino al 15% del consumo di carburante del veicolo quando è in funzione.

La nuova tecnologia utilizza invece un’innovativa pompa di calore ad assorbimento che sfrutta il calore disperso dal motore del veicolo per il raffreddamento. Poiché i furgoni e i camion refrigerati possono consumare fino a 100mila litri di carburante l’anno, voce che può essere molto pesante per le numerose piccole e medie aziende del settore, questa tecnologia green potrebbe far risparmiare fino a 8mila litri di combustibile a furgone, riducendo le emissioni e i costi.

“Si tratta di un progetto che promette di rivoluzionare un mercato come quello del trasporto refrigerato, oggi in forte espansione in Europa” sottolinea Marzia Pentimalli, la ricercatrice ENEA coordinatrice e responsabile scientifica di HP-ACS.

Oggi sulle strade dei 28 Paesi dell’Unione europea circolano circa 650mila veicoli refrigerati e si prevede che il mercato globale del trasporto refrigerato ammonterà a 5 miliardi di euro nel 2015.

Il progetto è stato sviluppato da ENEA in collaborazione con il laboratorio di ricerca industriale LABOR srl e con altre PMI (Coibent Car snc, Aerfrigor srl, AMGR Ltd Reader Air Conditioning, Admatis kft), con le quali è stato possibile realizzare sperimentazioni per passare dalla fase di ricerca a quella della dimostrazione pre-industriale.

Una serie di sfide scientifiche e tecnologiche che ha richiesto, spiega ancora Pentimalli, la caratterizzazione su misura dei materiali per la specifica applicazione e la progettazione di una pompa di calore leggera e facile da montare per il primo prototipo di veicolo per i trasporti refrigerati green.

Condividi: