Home Curiosità Gli studenti UniBO progettano il Parco Bonaveri

Gli studenti UniBO progettano il Parco Bonaveri

città: - pubblicato il:

parco bonaveriPiante, acqua, materiali inerti, ma soprattutto idee e visioni dello spazio, della sua identità e delle sue relazioni con un contesto, quello rurale della pianura emiliana, aperto per vocazione all’internazionalità.

Sono questi i punti cardine del nuovo parco aziendale, uno spazio verde di circa 1 ettaro che Bonaveri, azienda che opera nel mercato della progettazione e manifattura di manichini artistici, ha voluto realizzare per il proprio quartier generale di Cento in provincia di Ferrara.

A proporre idee per la sua progettazione ha chiamato gli studenti del Corso di laurea in Verde ornamentale e tutela del paesaggio dell’Alma Mater di Bologna. I ragazzi del terzo anno, nell’ambito del corso di Progettazione e realizzazione di spazi verdi, hanno dunque avuto l’opportunità di sperimentare quanto appreso nella disciplina dell’architettura del paesaggio mettendo in gioco le proprie idee e competenze.

L’obiettivo era quello di concepire uno spazio in grado sia di veicolare l’immagine aziendale che di declinare plasticamente il concept chiave della sostenibilità. Sopralluoghi, incontri di brainstorming e interviste, momenti laboratoriali di gruppo e di rielaborazione individuale, sotto la guida della docente del corso Enrica Dall’Ara, si sono susseguiti sino al momento finale della rappresentazione ed esposizione dei progetti in forma di workshop.

“Da tempo stavamo riflettendo sul tema dello spazio verde come mezzo di racconto, ma anziché svolgere il progetto al nostro interno ci è piaciuta l’idea di avviare un rapporto con l’Università di Bologna” afferma Andrea Bonaveri, CEO dell’azienda di famiglia “Bonaveri ha un programma dedicato a valorizzare il talento degli studenti e sebbene i nostri progetti si rivolgano sempre al settore moda, ci è sembrato coerente con la nostra filosofia di ricorrere al workshop come sistema di costruzione delle idee. Il risultato ha superato le nostre aspettative”.

Condividi: