Home News Le rinnovabili sono il futuro, carbone e petrolio il passato

Le rinnovabili sono il futuro, carbone e petrolio il passato

pubblicato il: - ultima modifica: 2 Giugno 2020
energie rinnovabili

energie rinnovabiliDal nuovo report della IEA, l’International Energy Agency, arriva una forte presa di posizione a favore delle energie rinnovabili che sono considerate, ovviamente, il futuro energetico mentre petrolio e, soprattutto il carbonoe, sono il nostro passato.

Greenpeace condivide naturalmente la presa di posizione dell’International Energy Agency che, nel rapporto speciale World Energy Outlook chiede a tutti i Paesi obiettivi più ambiziosi per ridurre le emissioni di gas serra spostando l’attenzione sull’uso delle energie rinnovabili per l’approvvigionamento energetico.

Siamo alle soglie di una nuova era energetica e la IEA lo riconosce chiaramente. Il carbone farà presto parte del passato, seguito a ruota dal petrolio. Sono però necessari maggiori sforzi da parte di tutti gli Stati.

“Concordiamo con la IEA, gli attuali impegni di riduzione delle emissioni presi in vista della Conferenza di Parigi sui cambiamenti climatici sono decisamente inferiori rispetto a quanto necessario per mantenere l’aumento di temperatura entro i 2°C, soglia limite indicata dalla scienza. Tutti i Paesi devono essere più ambiziosi, e gli impegni attualmente sul banco devono rappresentare il p​unto di partenza minimo” afferma Luca Iacoboni, responsabile della Campagna Energia e Clima di Greenpeace Italia.

La diminuzione dell’utilizzo di carbone in Cina nell’ultimo anno, e il conseguente calo delle emissioni di gas serra, dimostra​no​ per esempio che importanti risultati possono essere raggiunti in un b​reve ​periodo di temp​o​. Questo dovrebbe spingere gli Stati a puntare ad obiettivi più ambiziosi in vista di Parigi.

Greenpeace esprime inoltre soddisfazione per il riconoscimento da parte della IEA del fondamentale ruolo che le rinnovabili stanno avendo nel mantenere grosso modo allo stesso livello dello scorso anno le emissioni di CO2, permettendo contestualmente crescita economica. È ormai provato l’effetto positivo che le rinnovabili hanno sia sull’ambiente che sull’economia, a differenza di tecnologie rischiose e dalla dubbia efficacia come nucleare e CCS (Carbon Capture Storage).

“Come affermato dalla IEA, occorrono maggiori investimenti in energie rinnovabili, tecnologie già oggi economicamente convenienti, mentre bisogna porre fine ai sussidi alle fonti fossili” continua Iacoboni “Ridurre le emissioni è un’opportunità di business, e non solo un costo. Per questo dobbiamo lavorare tutti insieme per un futuro 100 percento rinnovabile entro il 2050”.

Condividi: