Home Curiosità Combattere il caldo senza condizionatore: ecco come fare

Combattere il caldo senza condizionatore: ecco come fare

pubblicato il: - ultima modifica: 6 Agosto 2020
combattere il caldo

combattere il caldoCombattere il caldo senza consumare energia elettrica si può, basta seguire qualche semplice regola.

Combattere il caldo e sopravvivere alle torride temperature estive sono le priorità di molti italiani.

I condizionatori e i ventilatori sono di certo dei validi alleati ma richiedono un sostanzioso investimento economico inziale, un forte consumo energetico e inevitabili conseguenze per l’ambiente e le sue preziose risorse.

La capacità di ottimizzare l’uso delle strutture energetiche e di puntare a un maggiore risparmio sono ormai diventati due chiari indicatori del grado di benessere di un Paese. Per queste ragioni molti Stati europei stanno cercando di sensibilizzare la popolazione a un uso più controllato e più consapevole delle risorse naturali e dell’energia elettrica.

Combattere il caldo e controllare i costi delle bollette: i costi dell’energia elettrica sono infatti una delle principali voci di uscita nei bilanci di molte famiglie. Il rischio di vedere aumentarli ulteriormente cresce soprattutto durante la stagione estiva a causa dell’uso prolungato, e spesso incontrollato, dei condizionatori.

In attesa che arrivino nuove soluzioni per recuperare e ottimizzare l’energia domestica, potrete adottare qualche semplice accorgimento che vi consentirà di combattere il caldo estivo, ridurre i costi energetici e dare un valido contributo alla tutela dell’ambiente.

Vediamo nello specifico le cinque cose principali da fare.

Per tenere sotto controllo le temperature degli ambienti interni delle abitazioni dovete ricordarvi di abbassare le tapparelle e chiudere le persiane soprattutto nelle ore più calde della giornata. In questo modo potrete riparare la casa dai raggi solari ed evitare che la temperatura interna raggiunga livelli elevati.

Nelle ore centrali della giornata provate anche a chiudere le finestre, in questo modo limiterete la presenza di umidità e di aria pesante in casa. Spalancare i vetri nelle prime ore del mattino sarà invece un ottimo modo per ricambiare l’aria e rinfrescare gli ambienti interni.

Usare delle tende da sole e degli ombrelloni negli ambienti esterni è una valida soluzione per creare ombra e creare degli ambienti freschi in cui trascorrere delle piacevoli ore e limitare il bisogno di accendere condizionatori e ventilatori.

Se invece possedete un balcone, un terrazzo o uno spazio all’esterno, ricordate che la presenza di piante e rampicanti aiuterà ad assorbire il calore e schermare la luce solare. Innaffiarle poi in tarda serata o nelle prime ore del mattino creerà una piacevole sensazione di fresco.

Ricordate che il senso di calore è strettamente legato alla presenza di umidità nell’aria, che può far aumentare la percezione del caldo anche di qualche grado. Cercate quindi di non creare ulteriori occasioni di produzione di umidità facendo magari il bucato e la doccia nelle ore più fresche della giornata per evitare che la condensa e il vapore peggiorino la situazione.

L’ultimo suggerimento per combattere il caldo è quello di evitare di tenere le luci accese per molto tempo, cercate piuttosto di sfruttare al massimo la luce naturale.

Condividi: