Home Imprese Sostenibili Cambiamenti climatici: città resilienti nel 21esimo secolo

Cambiamenti climatici: città resilienti nel 21esimo secolo

città: - pubblicato il: - ultima modifica: 21 Settembre 2015
cambiamenti climatici

cambiamenti climaticiDal globale al locale: le risposte delle comunità ai cambiamenti climatici durante l’assemblea nazionale dei coordinamenti delle Agende 21 locali che si terrà a Desenzano del Garda a metà settembre.

Non c’è più tempo. L’emergenza clima va affrontata a livello globale per salvaguardare il futuro del nostro pianeta, con politiche condivise e impegni concreti da parte di tutti i Paesi. Questi i temi centrali di COp21, la Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici che si terrà fra pochi mesi a Parigi.

Tappa italiana di avvicinamento al summit francese la XVII Assemblea del Coordinamento delle Agende 21 locali italiane, organizzata con la collaborazione del Comune di Desenzano del Garda e in programma nella città lombarda il 17 e 18 settembre 2015.

“Abbiamo voluto essere in linea con la conferenza di Parigi” afferma Rossella Zardo, presidente del Coordinamento Agende 21 “e per questo il filo conduttore della nostra Assemblea sarà proprio l’emergenza climatica e la capacità di risposta e di reazione a essa da parte delle nostre comunità locali”.

Anche l’Italia, infatti, non resta indenne dalle conseguenze dei mutamenti climatici che in questi ultimi anni stanno mettendo a dura prova tante città, ponendoci di fronte all’urgenza di linee di intervento nuove e adeguate.

Per questo le città sono chiamate a diventare resilienti, ossia sistemi urbani che, oltre ad adeguarsi ai cambiamenti climatici (in particolare al riscaldamento globale), sanno modificarsi sviluppando capacità di costruire risposte sociali, economiche e ambientali strutturate. Si tratta di intervenire sui modelli di programmazione, organizzazione e di gestione: perché non c’è sostenibilità se non c’è resilienza.

Città resilienti nel 21° secolo è dunque il tema dell’Assemblea del Coordinamento delle Agende 21 locali che si articolerà in due giornate di convegni, tavole rotonde e seminari. A confronto esponenti nazionali e internazionali provenienti dal mondo delle istituzioni, della scienza, della società civile organizzata, oltre naturalmente ai massimi rappresentanti di Agenda 21.

Apertura dei lavori, giovedì 17 settembre a Palazzo Todeschini, con un convegno a più voci per un inquadramento della resilienza anche a livello europeo e mondiale. A seguire, in chiusura di mattinata, una tavola rotonda che vedrà la presentazione di buone pratiche in Italia. Il pomeriggio proseguirà con quattro gruppi di lavoro sui temi della governance, della progettazione e degli strumenti a disposizione degli amministratori locali, e ancora dell’aspetto sociale e della partecipazione dei cittadini alla resilienza delle propria città.

Contemporaneamente alle sessioni di lavoro si riunirà il Gruppo 21, nato dalla volontà di coinvolgere nel lavoro dell’associazione, intorno ai temi dello sviluppo sostenibile, anche soggetti esperti, professionisti, enti, che abbiano collaborato con Agenda 21 o che intendano farlo. Sarà questo il momento della presentazione della nuova realtà, dei primi membri del gruppo e della definizione di come articolarne l’operatività.

È dedicata nello specifico all’Assemblea dei soci del Coordinamento la seconda giornata, venerdì 18 settembre a partire dalle ore 9 al Castello di Desenzano del Garda. Dopo i saluti istituzionali e una tavola rotonda sul tema Il clima e le politiche delle città e dei territori, il programma prevede l’avvio dei lavori che si concluderanno con la nomina del nuovo Consiglio direttivo, in carica fino al 2017, e la votazione del documento unitario del Coordinamento Agende 21 locali italiane verso la COP21.

Condividi: