Home News Ecobonus 2015: la nuova scadenza è fissata al 31 dicembre

Ecobonus 2015: la nuova scadenza è fissata al 31 dicembre

pubblicato il: - ultima modifica: 7 Agosto 2020
ecobonus 2015

ecobonus 2015C’è ancora qualche mese per accedere agli Ecobonus e godere delle agevolazioni fiscali previste per gli interventi di miglioramento energetico.

È stata fissata al 31 dicembre la nuova scadenza per gli Ecobonus 2015. La legge di Stabilità ha infatti prorogato i termini per richiedere le agevolazioni fiscali introdotte dal Decreto Ecobonus.

Ciò vuol dire che tutti coloro che hanno intenzione di avviare dei progetti di ristrutturazione e mirati al risparmio energetico avranno ancora del tempo per presentare la proprio richiesta.

Trattandosi di interventi complessi e generalmente costosi, molti non riescono a coprire totalmente le spese e sono quindi costretti a richiedere dei finanziamenti, valutando le soluzioni per i prestiti suggeriti da SuperMoney e dagli altri comparatori per cercare di contenere le spese almeno su questo fronte.

Con le nuove scadenze previste per l’Ecobonus 2015 si avrà quindi un’ulteriore possibilità di intraprendere nuovi progetti per il miglioramento energetico degli edifici, accedere alle agevolazioni fiscali ottenendo un notevole risparmio sui costi, e non ultimo dare anche un notevole contributo alla tutela dell’ambiente e delle sue preziose risorse.

Introdotto dalla Legge di Stabilità 2015, il Decreto Ecobonus prevede uno sconto del 50 e 65% sul totale dei costi sostenuti a patto che questi siano conclusi entro il 2015.

Come si accede agli Ecobonus 2015? Per accedere alle agevolazioni fiscali occorre quindi rispettare due condizioni: le tempistiche, ovvero gli interventi dovranno terminare entro 2015; i costi, perché dimostrare di aver sostenuto delle spese presentando le ricevute dei bonifici bancari o postali in cui è chiaramente indicata la causale del versamento, il codice fiscale del contribuente o il numero di partita Iva del beneficiario del pagamento.

Tra i progetti coperti dagli Ecobonus 2015 rientrano gli interventi di manutenzione straordinaria degli appartamenti come per esempio sostituzione degli infissi esterni o degli impianti idrici ed elettrici; e gli interventi di manutenzione ordinaria realizzati su parti comuni condominiali (come la sostituzione di pavimenti anche esterni, del rivestimento o tinteggiatura delle pareti esterne o interne); ma anche l’acquisto di impianti fotovoltaici, caldaie a biomassa e grandi elettrodomestici di classe A+, tende solari, vetrate, acquisto di nuovi infissi e caminetti, e perfino determinate tipologie di mobili come letti, armadi, cassettiere, librerie, scrivanie, tavoli, sedie, comodini, credenze e materassi.

Un aspetto da non dimenticare riguarda la presentazione al termine dei lavori e non oltre i 90 giorni, della copia dell’attestato di certificazione o di qualificazione energetica e della scheda informativa relativa agli interventi realizzati. Tutta la documentazione dovrà essere consegnata all’Enea, l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile.

Condividi: