Home Curiosità Fotovoltaico: inaugurato in India il primo aeroporto solare

Fotovoltaico: inaugurato in India il primo aeroporto solare

pubblicato il: - ultima modifica: 7 Agosto 2020

aeroporto-solare-india-3Ecco l’ultimo traguardo del fotovoltaico: in India è stato inaugurato un aeroporto solare, interamente alimentato con pannelli fotovoltaici.

Il fotovoltaico non arresta la sua corsa e dimostra le mille possibilità di impiego garantite dall’energia solare.

L’ultima novità riguarda la recente inaugurazione in India di un aeroporto solare, ovvero interamente alimentato con l’energia solare, prodotta da uno degli impianti fotovoltaici più grandi tra quelli mai realizzati.

I grandi vantaggi per l’ambiente e le sue risorse e il notevole risparmio sui costi delle utenze domestiche hanno determinato nel corso degli ultimi anni una forte crescita del settore. Infatti, secondo i dati relativi all’andamento dei consumi energetici in Italia nel 2013, le energie rinnovabili soddisfano circa il 16.7% del fabbisogno energetico del Paese, con una sensibile crescita rispetto all’anno precedente.

Un dato incoraggiante è quello relativo alla diffusione delle energie rinnovabili tra i privati. Dati recenti dimostrano che 4 italiani su 10 consumano energia pulita e si dichiarano soddisfatti della loro scelta. Con i suoi impianti di varie dimensioni, il fotovoltaico continua così ad ampliare le sue possibilità di applicazioni che sembrano adesso intraprendere anche il settore dei trasporti.

Il fotovoltaico spicca il volo

L’ultima novità del settore fotovoltaico riguarda la recente inaugurazione in India di un aeroporto interamente alimentato a energia solare. L’aeroporto internazionale di Kochi, nello Stato del Kerala, ha recentemente inaugurato uno dei più grandi impianti fotovoltaici mai realizzati, una vera centrale solare da 12 MW in grado di produrre ogni giorno circa 50-60 mila kWh.

L’aeroporto solare indiano, che rappresenta uno degli scali più trafficati, con oltre 6,8 milioni di passeggeri all’anno, potrà provvedere a tutte le sue funzioni usando esclusivamente energia pulita.

Gli effetti benefici sull’ambiente sono sorprendenti. Secondo i calcoli la presenza di questo enorme impianto fotovoltaico eviterà l’emissione di oltre 300mila tonnellate di carbonio nei prossimi soli 25 anni, una quantità pari all’assorbimento di 3 milioni di alberi.

Un traguardo davvero importante se si pensa ai preoccupanti livelli di polveri sottili presenti nell’aria, un motivo questo che ha spinto il governo indiano ad agire per trovare soluzioni efficaci.

Cresce l’impegno del governo indiano per l’ambiente

L’aeroporto di Kochi è stato fonte di ispirazione per altri progetti green, come quello annunciato da un altro aeroporto indiano, quello di Kolkata, che intende realizzare un impianto fotovoltaico ancora più grande, ovvero di 15 MW. Questi interventi consentiranno al governo indiano di non arrivare impreparato all’imminente vertice sul clima di Parigi, quando ogni Paese verrà valutato per l’impegno e le iniziative concretamente realizzate per tutelare l’ambiente e le sue risorse.

Condividi: