Home Eventi Fa’ la cosa giusta! consumo critico e sostenibilità a Torino

Fa’ la cosa giusta! consumo critico e sostenibilità a Torino

città: Torino - pubblicato il:
fa' la cosa giusta
foto di Alessia Gatta
fa' la cosa giusta
foto di Alessia Gatta

Fa’ la cosa giusta!, fiera italiana della sostenibilità sbarca al Lingotto Fiere di Torino dal 17 al 18 ottobre, con un’edizione speciale in occasione del 3° Forum dello sviluppo economico locale, organizzato da UNDP, il programma delle Nazioni Unite dedicato allo Sviluppo.

Fa’ la cosa giusta! Torino è organizzata da Terre di mezzo Eventi, che da 13 anni cura l’edizione nazionale, che si tiene ogni marzo a Milano. Per l’occasione il Lingotto ospiterà aziende, cooperative e associazioni piemontesi che proporranno i propri prodotti e le proprie iniziative. Ma anche incontri, workshop e attività pratiche… tutto all’insegna del consumo etico e sostenibile.

Gli espositori e gli appuntamenti ospitati in fiera spazieranno tra molti temi: cibo e alimentazione, commercio equo e solidale, cosmesi naturale, moda critica, economia carceraria, editoria, mobilità sostenibile, infanzia, servizi per la sostenibilità, turismo consapevole, vegan, associazioni e partecipazione sociale.

Fa’ la cosa giusta! Torino sarà focalizzato sulle realtà del territorio piemontese, ma verrà riservato ampio spazio anche a tutti i soggetti provenienti dalle altre regioni italiane e dall’estero, che si contraddistinguono per il forte legame e impatto sul territorio di appartenenza.

Tra i prodotti presentati in anteprima: le proposte di Maramao, start-up della Cooperativa sociale Crescere insieme: un progetto Sprar (Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati) che accoglie adulti e minori non accompagnati in un’azienda agricola specializzata nella produzione e trasformazione di uva, nocciole, frutta secca e cereali, tipici dell’Alto Monferrato.

Come dimostra la cooperativa Maramao, i rifugiati possono essere una risorsa per lo sviluppo locale. Questo sarà anche il tema al centro di un incontro a cui parteciperanno Laurence Hart, capo divisione Assistenza Migranti dell’OIM (Organizzazione Internazionale per le Migrazioni) e la Cooperativa Articolo 10, fondata da artigiane tessili di origine somala, che fondono le tecniche di lavorazione tradizionali del corno d’Africa con quelle occidentali.

Com’è il mondo visto dagli occhi di un ipovedente? Uno speciale paio di occhiali messo a disposizione dall’Unione Italiana Ciechi permetterà di scoprirlo. E per chi avrà voglia di un buon bicchiere di vino o di gustare una bevanda e allo stesso tempo provare a cambiare la propria percezione delle cose, potrà salire su Dark on the Road, una speciale roulotte-bar in cui si serviranno vino e bevande a filiera corta rigorosamente al buio. I visitatori saranno accompagnati e serviti da camerieri ciechi e ipovedenti, per un’esperienza guidata da gusto, tatto e olfatto.

Uno degli appuntamenti di apertura della fiera sarà il convegno nazionale di Legambiente, dedicato alle Ecomafie nel Nord Italia a pochi mesi dell’approvazione della legge sugli ecoreati.

Tra le novità di quest’anno a Fa’ la cosa giusta! Torino: la fiera ospiterà la quattordicesima edizione del festival Utopica, organizzato ogni anno dalle ACLI torinesi. Tra i molti appuntamenti in programma sono già confermati un seminario con il giornalista Domenico Quirico, caposervizio esteri e inviato speciale del quotidiano La Stampa, dedicato ai temi del conflitto e della pace globale e la presentazione del libro Il cortile dietro le sbarre. Il mio oratorio al Ferrante Aporti, sull’esperienza di don Domenico Ricca, sacerdote salesiano, da 35 anni cappellano dell’istituzione carceraria minorile torinese a cura dalla giornalista Marina Lomunno.

Molti i laboratori pratici che caratterizzeranno i due giorni di fiera. Per esempio Fashion Reverse, un workshop di lettura delle etichette dei vestiti, organizzato da Sartoria Errante, insegnerà tutti i segreti per decifrarle, identificando la qualità del tessuto e (percentuale di filati naturali, artificiali, e loro tipologia), l’eticità della filiera produttiva (luogo di manifattura, condizioni e retribuzione della manodopera), i margini degli intermediari e le modalità con cui i marchi stabiliscono il prezzo di vendita al pubblico. Sartoria Errante condurrà anche un laboratorio di trasformazione dei capi: come rinnovare il proprio armadio senza buttare né acquistare nulla. I visitatori potranno portare i propri abiti e imparare a Reinventarli.

A Fa’ la cosa giusta! i visitatori di potranno imparare anche a trasformare i capi tingendoli con colori ricavati dalle piante e dagli ingredienti presenti comunemente nelle nostre case, grazie al workshop che prende spunto dal libro Tinture naturali, pubblicato da Terre di mezzo Editore.

Assocanapa e Vivere Sostenibile Basso Piemonte organizzeranno un laboratorio-incontro sull’utilizzo della canapa in cucina e in campo tessile: solo due delle molte possibili applicazioni di questa coltura tipicamente piemontese, ad alto valore nutrizionale e con molteplici impieghi per la realizzazione di capi di abbigliamento e accessori.

L’Associazione Città incantate condurrà uno spazio di letture continue con i bambini e laboratori creativi in cui realizzare collane e piccoli oggetti di arredamento con legno riciclato o imparare a costruire le proprie bambole. I piccoli potranno anche imparare ad andare in bici e a rispettare le regole della viabilità, sulla ciclopista Bici e dintorni organizzata da FIAB Torino.

Condividi: