Home Imprese Sostenibili Niente batterie con i lettori di codici a barre amici dell’ambiente

Niente batterie con i lettori di codici a barre amici dell’ambiente

pubblicato il: - ultima modifica: 6 Agosto 2020
lettori codici barre senza batterie

lettori codici barre senza batterieLe tecnologie alternative sfidano le batterie e creano nuove opportunità di business anche in settori che hanno sempre utilizzato questo tipo di alimentazione, come la maggior parte degli strumenti di misura e rilevazione portatili.

La prima volta che abbiamo sentito parlare di un lettore di codici a barre senza fili e senza batterie, siamo rimasti basiti. Senza cavi e senza alimentazione, come può un simile strumento funzionare?

Se la prima cosa a cui pensate sono dei piccoli pannelli solari o poco pratiche manovelle, rimarrete sorpresi da quello che vi stiamo per dire.

L’innovazione infatti arriva dai progressi compiuti dalla tecnologia di accumulo di energia alternativa chiamata supercondensatore, a volte indicato come ultracondensatore.

I supercondensatori sono sicuri, semplici, affidabili e amici dell’ambiente. Inoltre, possono ridurre i costi e la complessità in operazioni che richiedono scanner portatili in determinati momenti, come per esempio nei punti vendita.

Come funzionano gli scanner green? Rispetto alle batterie che si basano su reazioni chimiche, i supercondensatori accumulano energia elettrostatica su due piastre all’interno di un elettrolite. Quando c’è tensione, le piastre diventano elettrodi, attraendo rispettivamente ioni positivi e negativi. La capacità dipende dalla dimensione delle piastre, un tipico scanner Bluetooth può operare su un supercondensatore più piccolo e leggero di una batteria al litio.

Inoltre, i supercondensatori richiedono un ciclo di carica ridotto. Uno scanner tiene una carica per pochi minuti, ma questo è compensato da un’estrema rapidità di carica. Per esempio, gli attuali scanner green possono leggere fino a 100 codici a barre per ricarica e si ricaricano completamente in 35 secondi. Infine, i supercondensatori vantano oltre 100 cicli di ricarica rispetto alle batterie: un milione e mezzo di cicli di ricarica rispetto ai classici 500 delle batterie al litio.

Benefici per il business e per l’ambiente

L’assenza di reazioni chimiche è ciò che rende i supercondensatori una tecnologia green. I benefici ambientali e sui costi sono tra gli altri: nessuna gestione speciale per la consegna e il riciclo; nessun tempo di inattività prolungato per la ricarica; nessun bisogno di acquistare e conservare le parti di ricambio; nessuno sforzo per cambiare le batterie, nessun dispositivo fuori uso e nessuna scorta; un’opportunità di dimostrare il proprio impegno verso la sostenibilità ambientale.

Inoltre, gli scanner alimentati dai supercondensatori assicurano le stesse prestazioni di lettura di un qualsiasi scanner della stessa portata wireless, con la stessa compatibilità plug-and-play e la stessa (se non migliorata) ergonomia, considerando che l’alimentazione è più piccola e leggera.

Gli scanner green sono particolarmente adatti nei punti vendita dove gli scanner restano in carica e sono utilizzati periodicamente per poche scansioni alla volta. Lo stesso utilizzo viene fatto nelle librerie, nei processi di check-in e check-out e nel tracciamento di file e documenti.

All’interno di questo scenario, solitamente gli scanner hanno bisogno di sostituire le batterie ogni 500 giorni, il numero raddoppia per gli scanner con un ciclo di vita di tre anni. Al contrario, un supercondensatore comparabile può durare fino a 8 anni anche sopravvivendo persino allo stesso scanner.

L’eliminazione della sostituzione delle batterie riduce i costi di ownership di 70/100 euro, in media, senza contare poi lo sforzo, la perdita di produttività provocata da un errore della batteria o i costi delle scorte. Infine, la tecnologia dei supercondensatori offre opportunità di business che riducono l’impatto dei rifiuti derivanti da tecnologie pericolose in maniera altamente visibile, e di valore, per il cliente.

Condividi: