Home Imprese Sostenibili I parchi lombardi eliminano le polveri sottili di 3,5 milioni di auto

I parchi lombardi eliminano le polveri sottili di 3,5 milioni di auto

pubblicato il: - ultima modifica: 6 Agosto 2020
polveri sottili

polveri sottiliIl verde pubblico in Lombardia assorbe le polveri sottili pm10 emesse da quasi tre milioni e mezzo di auto e l’anidride carbonica di circa 250mila motori.

È questo emerge da un’elaborazione di Coldiretti Lombardia sulla base dei dati diffusi nel convegno organizzato a Milano da Assofloro e dedicato al ruolo di piante e fiori nelle realtà metropolitane.

In Lombardia la disponibilità di verde urbano, secondo gli ultimi dati Istat, è di circa 36 metri quadrati per abitante, con valori pro capite molto diversi a seconda dei capoluoghi di provincia: 8,9 a Varese, 9,9 a Como, 49,7 a Sondrio, 16,4 a Milano, 10,8 a Bergamo, 137,9 a Brescia, 198 a Pavia, 36,2 a Cremona, 33,8 a Mantova, 6,7 a Lecco, 23,6 a Lodi e 70,4 a Monza.

Mentre sfiorano i 160mila metri quadrati di estensione gli orti urbani lombardi, una superficie pari a quella di oltre duemila appartamenti di medie dimensioni.

“Una buona gestione del verde pubblico” spiega Ettore Prandini, Presidente di Coldiretti Lombardia “è soprattutto un vantaggio per la salute delle persone perché aiuta ad abbattere in modo significativo molte delle sostanze inquinanti create dal traffico. Senza dimenticare che migliora l’aspetto delle nostre città e la qualità di vita degli abitanti”.

È necessario però, spiega Coldiretti Lombardia, che la gestione del verde sia affidata a personale specializzato in grado di gestire al meglio sia le varietà da mettere a dimora in parchi e aiuole, sia le operazioni di potatura e manutenzione, proprio per evitare quell’effetto matita che molte volte si vede nei filari di alberi cittadini dopo il taglio dei rami.

“Un lavoro” commenta Prandini “che può essere svolto benissimo anche dalle aziende florovivaistiche che sono oltre cinquemila in tutta la regione e che custodiscono un enorme patrimonio di competenza e conoscenza utile per la gestione del verde e per l’inserimento di piante e fiori anche in funzione anti inquinamento”.

Condividi: