Home Curiosità Il meteo, grande passione per gli italiani

Il meteo, grande passione per gli italiani

previsioni del tempo

previsioni del tempoAgli italiani piace discutere del tempo e, come per gli inglesi, il meteo è diventato una grande passione.

Anche noi quindi consultiamo i bollettini sempre più spesso e in tempo reale, anche su smartphone e tablet: addirittura il 77% dei nostri connazionali si lascia influenzare dai bollettini anche nel programmare la sua giornata.

Il meteo piace soprattutto alle donne: sono loro infatti a essere particolarmente sensibili agli effetti del tempo su umore e stati d’animo.

A indagare sull’argomento è stato Tempo, il marchio che commercializza i fazzolettini per il naso, con una ricerca commissionata a Ipsos e realizzata su un campione rappresentativo degli italiani.

Con queste premesse un festival dedicato a questo tema non potrà che riscuotere successo, vista la passione degli italiani per le previsioni del tempo: per questo motivo il Festivalmeteorologia dà appuntamento a Rovereto il 16 e 17 ottobre per un appuntamento interamente dedicato a questa scienza sempre più popolare.

Il responsabile scientifico Dino Zardi dell’Università di Trento dichiara infatti: “Con il Festivalmeteorologia vogliamo proporre un contributo alla diffusione e al consolidamento di una cultura meteorologica di base, attualmente carente in Italia, ma sempre più necessaria per poter comprendere e interpretare la mole di informazioni meteorologiche quotidianamente diffusa dai vari mezzi di comunicazione. In questo senso il Festival sarà un’occasione unica di incontro tra le diverse realtà della meteorologia italiana. La manifestazione riunirà gli operatori dei servizi meteorologici, istituzionali e privati, i professionisti e le aziende che operano nel settore, i ricercatori, gli utenti dei servizi e dei prodotti meteorologici, gli appassionati di meteorologia e arriverà a coinvolgere docenti e studenti delle scuole di ogni livello e il grande pubblico in generale”.

Come spiega bene nella video intervista che segue.

Condividi: