Home News Legge 90/13, alcuni chiarimenti normativi a cura di ANIT

Legge 90/13, alcuni chiarimenti normativi a cura di ANIT

pubblicato il: - ultima modifica: 7 Agosto 2020
riqualificazione energetica degli edifici

riqualificazione energetica degli edificiAlla vigilia dell’imminente entrata in vigore dei Decreti attuativi della Legge 90/13 (1 ottobre 2015), riportiamo una serie di aggiornamenti e un promemoria sulle novità che questa svolta legislativa introduce dal punto di vista dei limiti, dei metodi di verifica, della classificazione e dei modelli di relazione.

Efficienza energetica: il 1 ottobre entrano finalmente in vigore i Decreti pubblicati in Gazzetta Ufficiale n. 162 il 15 luglio 2015 scorso, attuativi della Legge 90/13.

Il primo Decreto introduce le prescrizioni minime, le modalità di verifica per edifici di nuova costruzione ed esistenti in funzione dell’ambito di intervento e i requisiti dell’edificio a energia quasi zero e sostituisce il DPR59/09. 
Il secondo Decreto integra e modifica le Linee Guida Nazionali per la certificazione energetica proponendo un nuovo indicatore per la classificazione e un nuovo modello di attestato.
 Il terzo Decreto definisce i nuovi modelli per la relazione tecnica in funzione della tipologia di intervento.

ANIT ha predisposto una serie di strumenti per aiutare il professionista a comprendere, applicare ed effettuare i calcoli previsti dai documenti legislativi:
 la nuova GUIDA ANIT aggiornata, il software LETO certificato dal CTI e il nuovo Volume 2.

Emilia Romagna: nuovo APE dal 1 ottobre 2015

La Delibera 1275/2015 pubblicata sul BUR il 10 settembre 2015 entrerà in vigore il 1° ottobre 2015. Fino a tale data continueranno ad applicarsi le disposizioni attualmente vigenti di cui alla Delibera 156/2008 e s.m., e in particolare quelle riportate ai punti 5, 6 e 7 e negli allegati 6, 7, 8, e 9. Diverse e importanti le modifiche introdotte, in coerenza con le disposizioni nazionali, che modificano radicalmente le metodologie finora applicate ai sensi della Delibera 156/2008.

Le disposizioni prevedono l’avvio, a partire dal 1° gennaio 2016, di campagne annuali di verifica di conformità degli APE (attestato di prestazione energetica) emessi, anche ai fini della irrogazione delle sanzioni previste dalla legge, specificando le modalità e le tipologie di controllo previste.

Odyssee-MURE: Banca dati sui consumi energetici

La Commissione UE, attraverso il progetto ODYSSEE-MURE, ha adottato ufficialmente come base statistica per le politiche energetiche, una banca dati sui consumi energetici, sugli indicatori di efficienza energetica e di CO2. Obiettivo del progetto, che ha permesso di sviluppare una metodologia che rende compatibili e confrontabili i dati e le elaborazioni sui consumi dei 29 Paesi europei coinvolti, è trovare gli strumenti che aiutino a raggiungere l’obiettivo europeo del miglioramento dell’efficienza energetica del 27% entro il 2030. 
ODYSSEE contiene i dati di base energetici e gli indicatori di efficienza energetica e CO2, e MURE (Misure di Utilizzo Razionale dell’Energia) racchiude le politiche e le misure di efficienza energetica e del loro impatto a partire dagli anni ’80.

Lombardia: 7 milioni per la riqualificazione

Il Bando in attuazione della DGR 3904/2015 è stato approvato per incentivare la riqualificazione energetica nei piccoli comuni, singoli o associati. Possono presentare domanda i Comuni con popolazione sino a 1.000 abitanti, le Unioni di Comuni, le Comunità Montane e i Comuni nati da fusione di Comuni istituiti a decorrere dal 1 gennaio 2011.

I progetti dovranno consentire:

  • l’adeguamento dell’edificio al rispetto dei requisiti minimi prestazionali previsti dalla DGR 3868/2015 per gli edifici sottoposti a demolizione e ricostruzione e per le ristrutturazioni importanti
  • prevedere una riduzione almeno del 30% dell’indice di prestazione energetica globale non rinnovabile e una riduzione almeno del 20% dell’indice di prestazione energetica globale totale rispetto a quello dello stato di fatto dell’edificio
  • escludere l’alimentazione a gasolio dell’impianto di riscaldamento
  • escludere gli impianti di climatizzazione invernale alimentati a biomassa solida
  • prevedere la presenza di diagnosi energetica

Le domande dovranno essere presentate a partire dalle ore 12 del 16 novembre 2015 fino all’avvenuto esaurimento della dotazione finanziaria.

Condividi: