Home Imprese Sostenibili Polverara adotta un PAES e diventa più smart

Polverara adotta un PAES e diventa più smart

pubblicato il: - ultima modifica: 6 Agosto 2020
paes polverara

paes polveraraPolverara, comune in provincia di Padova, diventa più smart. Infatti il piccolo comune della Saccisica padovana attraverso Alterenergy ha potuto adottare un PAES, Piano di Azione per l’Energia Sostenibile.

Alterenergy è un progetto europeo strategico, finanziato nell’ambito del Programma Transfrontaliero IPA Adriatico con durata quadriennale 2011-2015, di cui Veneto Agricoltura è partner; venerdì 30 ottobre si terrà il cosiddetto atto finale, la sintesi del lavoro, presso la Corte Benedettina di Veneto Agricoltura, ore 9 a Legnaro.

Polverara è stata scelta due anni fa come comunità target da Alterenergy attraverso Veneto Agricoltura, selezione indetta per individuare una municipalità sotte i diecimila abitanti con la quale instaurare una collaborazione nelle attività sperimentali previste dal progetto.

Il Comune, selezionato attraverso un pubblico avviso, ha goduto di una serie di vantaggi a costo zero per acquisire conoscenze e competenze nell’ambito delle fonti energetiche rinnovabili e giovarsi delle relative opportunità sociali, economiche e ambientali.

Con Alterenergy, Veneto Agricoltura ha indicato a Polverara e alle altre piccole comunità coinvolte nel progetto transfrontaliero adriatico (i partner erano le regioni italiane e gli stati di Albania, Bosnia Herzegovina, Croazia, Grecia, Montenegro, Serbia, Slovenia) alcune vie ottimali per incrementare il risparmio energetico e l’utilizzo delle energie rinnovabili.

Per esempio, come ridurre la dispersione termica delle pareti degli edifici scolastici fino all’88% grazie all’isolamento a cappotto; con la biomassa poi è possibile produrre non solo calore ma anche una piccola quota di energia elettrica.

Sono stati attuati stage con le scuole medie e incontri formativi con il territorio sull’efficientamento energetico, uno studio per ottimizzazione della centrale a biomassa e, come detto, il piano energetico comunale e l’ottimizzazione del bilancio energetico del territorio.

Condividi: