Home In evidenza Mobilità sostenibile: rafforzato impegno tra FIAB e Trenitalia

Mobilità sostenibile: rafforzato impegno tra FIAB e Trenitalia

città: Rimini - pubblicato il:
bici e treno

bici e trenoRisposte positive e investimenti dedicati, dal primo tavolo di lavoro congiunto sulla mobilità sostenibile e intermodale tra FIAB e Trenitalia: nuovi spazi per le bici a bordo dei convogli, facilità nell’acquisto dei biglietti e, con RFI, la realizzazione di 180 stazioni accessibili agli utenti con bicilette al seguito.

In concomitanza con Ecomondo, salone dedicato alla green economy e all’economia circolare in corso a Rimini in questi giorni, continua il dialogo tra FIAB, Federazione Italiana Amici della Bicicletta e Trenitalia, quest’ultima presente alla fiera riminese con un fitto programma d’incontri, studiati per contribuite a dare un’impronta sostenibile al tradizionale paradigma della mobilità e a valorizzare le peculiarità del trasporto su rotaia, con una particolare attenzione alle esigenze regionali.

Treno e bicicletta sono due mezzi di trasporto che rispettano l’ambiente e le persone: una funzionale e puntuale intermodalità fra treno e bici è qualcosa di imprescindibile per lo sviluppo di un’autentica mobilità sostenibile.

FIAB e Trenitalia lo sanno bene e sono già impegnate in questa direzione: qualche settimana fa si è svolto, infatti, a Roma il primo Tavolo tecnico previsto dalla Convenzione Trenitalia-FIAB (siglata lo scorso 13 aprile) dove sono emerse già alcune risposte positive alla piattaforma di richieste FIAB.

In relazione al trasporto delle biciclette a bordo dei treni, Trenitalia sta predisponendo nuovi capitolati per il materiale rotabile, che permettono alle Regioni committenti di scegliere gli allestimenti per il trasporto delle bici a bordo dei nuovi treni e, parallelamente, ha stanziato un investimento di circa 60 milioni di euro dedicati all’adeguamento di alcuni convogli già in uso, dove verranno creati spazi dedicati al trasporto delle biciclette (la riqualificazione interesserà, in primis, la flotta TAF in circolazione sui collegamenti regionali in Lazio, Veneto, Piemonte e Campania e si completerà nel 2016).

Allo studio la possibilità di acquistare il supplemento bici dal sito internet delle ferrovie, oltre che nei 70.000 punti vendita esterni della rete Sir, Sisal e Lottomatica, e la creazione del posto bici a bordo prenotabile in anticipo.

Verranno anche incentivate possibili partnership per favorire l’acquisto di biciclette pieghevoli da parte degli abbonati al trasporto regionale.

Per quanto riguarda il cicloturismo, Trenitalia sta vagliando un ulteriore accordo con FIAB per trovare forme di facilitazione e promozione dei viaggi in bici, per gli abbonanti Trenitalia che usufruiranno della rete di Albergabici.

Intermodalità treno+bici, sia in ambito quotidiano sia per il tempo libero, vuol dire anche facilità di accesso alle stazioni e servizi adeguati in ogni momento, come conferma il Protocollo d’intesa RFI-FIAB firmato a settembre, che si propone di elaborare progetti di potenziamento infrastrutturale per migliorare l’accessibilità delle stazioni e facilitare, a chi usa le due ruote, gli spostamenti in ambito ferroviario (marciapiedi, sottopassaggi pedonali).

Con interventi in 180 hub nell’ambito del Progetto 500 stazioni il protocollo prevede, attraverso interventi dedicati e finanziamenti con fondi RFI e fondi pubblici destinati alla mobilità sostenibile, l’allestimento di stalli pavimentati e coperti riservati al parcheggio delle biciclette, scivoli per accedere ai binari, aree bike sharing nelle piazze antistanti alle stazioni nelle città dove il servizio è operativo, locali per il noleggio e la manutenzione delle bici, segnaletica dedicata, ma anche un decalogo di buoni comportamenti in stazione e in treno rivolto agli utenti che viaggiano con una bicicletta al seguito.

Condividi: