Home News Borsa di Milano, +34% per i titoli legati al food

Borsa di Milano, +34% per i titoli legati al food

città: Milano - pubblicato il:
borsa di milano

borsa di milanoDopo il positivo debutto della Ferrari a Piazza Affari, il FTSE Alimentari della Borsa di Milano sfiora il 34% di incremento nell’ultimo anno, con punte di oltre il 46% per aziende che operano nel settore dei derivati del pomodoro.

Lo rileva la Coldiretti Lombardia analizzando i dati della Borsa di Milano sull’andamento azionario del basket di titoli che fanno riferimento al settore alimentare e che vedono rappresentati i comparti delle bevande, del bio, dei succhi di frutta, della soia, del latte e dei biscotti.

E in questa rilevazione, aggiunge Coldiretti Lombardia, non rientrano, per esempio, società giganti del capitalismo alimentare come Barilla e Ferrero, che non sono quotate in Borsa. Il Made in Italy enogastronomico sta dimostrando grandi capacità di reazione alla crisi non solo sui mercati finanziari, basta vedere le 242 milioni di bottiglie di spumante stappate tra Italia ed estero per le feste di fine anno, con un balzo del 13% per l’export.

La domanda di bottiglie è cresciuta del 48% in Gran Bretagna e del 22% negli Stati Uniti, rispettivamente primo e secondo mercato, con al terzo posto la Germania (+5%). Fra le bollicine italiane più richieste nel mondo ci sono il Prosecco, l’Asti, il Trento Doc e il Franciacorta.

Grande successo anche per i prodotti lattiero caseari italiani: fra gennaio e settembre 2015 rispetto allo stesso periodo del 2014 si è registrato un aumento di oltre il 9% dell’export di tutti i principali formaggi: con un +5,91% per Grana Padano e Parmigiano, +12,21% per il Gorgonzola, +19.82% per i grattuggiati e +6,15% per il Provolone.

Condividi: