Home Smart City Ecobonus sulla domotica, detrazioni fino al 65%

Ecobonus sulla domotica, detrazioni fino al 65%

città: Milano - pubblicato il:
ecobonus sulla domotica

ecobonus sulla domoticaFinalmente anche in Italia arrivano gli ecobonus sulla domotica.

L’installazione di impianti domotici nelle abitazioni, tendenza ormai sempre più diffusa nel nostro paese, potrebbe diventare la soluzione al caro-bolletta.

Dal 1° gennaio, infatti, la Legge di Stabilità 2016 (Art. 1, Comma 88) ha esteso il bonus sulla detrazione fiscale al 65% IRPEF (cd. Ecobonus) anche alle spese di domotica, ossia tutte le spese che rientrano nell’acquisto, installazione e messa in opera di impianti e dispositivi multimediali che consentono il controllo a distanza del proprio appartamento, dal riscaldamento alla climatizzazione.

Carta vincente del risparmio energetico diventa quindi la smart home: se fino a oggi, infatti, la sua diffusione massiva è stata limitata dagli elevati costi di installazione iniziali, grazie alla nuova formulazione dell’ecobonus sulla domotica, questa innovazione diventa accessibile a un numero più elevato di consumatori, portando anche una reale e consistente diminuzione dei costi.

“Oltre a incrementare il valore dell’immobile, la possibilità di gestire la temperatura, spegnere o regolare le luci della propria casa anche da remoto rappresenta una soluzione ottimale per risparmiare energia. È dimostrato che un edificio equipaggiato con un impianto domotico consente una notevole riduzione degli sprechi sul consumo energetico riflettendosi in modo positivo anche sulla bolletta, grazie a un risparmio che può arrivare fino a quasi il 30%” spiega Dario Cislaghi, di Vitrum, azienda che opera nel campo dell’ecodomotica per la casa “Inoltre le nuove agevolazioni fiscali (ecobonus sulla domotica) che consentono di abbattere i costi di adozione di queste tecnologie fino al 65% permetteranno ora a un maggior numero di persone di scegliere la domotizzazione, guadagnando in termini di risparmio energetico e qualità della vita nel lungo periodo”.

Condividi: