Home Eco Lifestyle Quo vado? la base artica del film è del Cnr

Quo vado? la base artica del film è del Cnr

pubblicato il: - ultima modifica: 2 Giugno 2020
quo vado? girato in base cnr

quo vado? girato in base cnrNell’ultimo film di Checco Zalone, Quo vado?, una parte del fim si svolge in territorio Artico, tra ghiacci e paesaggi di algida bellezza.

L’azione si svolge in una base scientifica che esiste davvero ed è gestita dal Cnr: si tratta della base Dirigibile Italia.

La base artica Dirigibile Italia situata a Ny-Ålesund, nelle isole Svalbard, è gestita dal Consiglio nazionale delle ricerche (CNR) e venne inaugurata nel maggio 1997 venendo intitolata al Dirigibile Italia di Umberto Nobile in ricordo della sua spedizione del 1928.

È una base permanente grande circa 330 m² tra laboratori e uffici, ma viene abitata da un massimo di 7 persone soltanto in caso di attività scientifica in corso; gli studi scientifici, coordinati dal Polar Network del CNR, sono così composti: chimica e fisica dell’atmosfera, biologia marina, ricerca tecnologica, oceanografia/limnologia, studi ambientali, biologia dell’uomo e medicina.

Nel film Quo Vado? del regista Gennaro Nunziante il protagonista Luca Medici, interpretato da Checco Zalone, è un dipendente pubblico che, per non perdere il posto di lavoro, accetta di cambiare continuamente sede, ritrovandosi persino al Polo Nord, tra i ricercatori del Cnr che lavorano per l’appunto nella base artica Dirigibile Italia.

“Con questo film volevamo raccontare la vita di quelle persone che lavorano per la salvaguardia di luoghi come il Polo Nord” dice il regista Gennaro Nunziante “La nostra grande ambizione era rendere un tributo a questo genere di attività. Volevamo raccontare un’Italia positiva, bella, raccontare le storie di quei cittadini che ancora nutrono un grande ideale per il loro Paese, per il mondo intero”.

“Li ho visti quei ragazzi al Polo Nord, li ho visti lavorare con passione” commenta Checco Zalone “È un’Italia bella, che funziona, fatta di gente perbene di cui essere fieri”.

Condividi: