Home Eco Lifestyle Prodotti vegani: la linea Mamma Emma si allarga

Prodotti vegani: la linea Mamma Emma si allarga

pubblicato il: - ultima modifica: 13 Ottobre 2021
prodotti vegani mamma emma

prodotti vegani mamma emmaLa famiglia di prodotti vegani Mamma Emma si allarga: dopo la linea di prodotti realizzati con vere patate cotte al vapore con la buccia, che da sola riveste circa 20% dei 13,5 milioni di euro del fatturato aziendale 2015, Master lancia sul mercato alcune nuove referenze biologiche e vegane, appositamente pensate per chi segue uno stile di vita sano e una dieta priva di alimenti di origine e derivazione animale.

Si tratta di gnocchi vegani e spatzle bio che vanno a unirsi agli gnocchi di vere patate Mamma Emma. Un trend in costante crescita quello dei prodotti vegani in Italia: sono infatti sempre più in aumento i consumatori che scelgono un’alimentazione cruelty free.

Consapevole di questo rapido e profondo mutamento, Master da anni si impegna nella formulazione di prodotti che sappiano combinare materie prime d’eccellenza e prive di contaminazioni animali a una sapiente lavorazione che ripercorre artigianalmente la più classica delle tradizioni. Da questo lungo studio è nata la linea di prodotti vegani Mamma Emma Vegan: gnocchi classici, al kamut e al farro, tutti biologici e privi di latte e uova, realizzati solo con vere patate cotte al vapore con la buccia.

Vanno ad aggiungersi alla famiglia Mamma Emma anche gli spatzle Bio, prodotti solo con spinaci in foglia 100% italiani. Per Master investire nel bio significa intraprendere un percorso di ricerca e sviluppo che sappia garantire prodotti genuini, senza pesticidi e con materie prime naturali coltivate nel pieno rispetto della natura e soprattutto del consumatore, oggi sempre più attento a compiere scelte alimentari sane e consapevoli. Quello dei prodotti vegani e bio è un comparto che si dimostra sempre più in espansione per Master, ricoprendo già il 10% dell’intero fatturato.

Oggi Master produce prodotti vegani per un volume di 5,4 milioni di kg annui e ha una distribuzione suddivisa per l’85% Gdo, per il 10% dettaglio tradizionale e per il 5% canale Horeca.

Condividi: