Home Imprese Sostenibili Terni capoluogo della chimica verde italiana con ProTer?

Terni capoluogo della chimica verde italiana con ProTer?

città: Terni - pubblicato il: - ultima modifica: 30 Gennaio 2019
proter chimica verde

La città umbra di Terni, feudo per eccellenza della Montedison, sta cambiando pelle. Sempre di chimica vuole vivere, ma che ora sia più verde: lo conferma una nuova iniziativa imprenditoriale che prende il nome di ProTer che ha in animo di fare molte buone cose nel settore della chimica di terza generazione con la forza e le caratteristiche di un fondo di investimento e di un Industrial Developer.

Nel realizzare i principi dell’economia circolare, ProTer ha infatti come obiettivo la ricerca di nuovi progetti in cui investire. Cui si aggiunge anche la riqualificazione di una struttura di 20.000 metri quadri.

L’iniziativa imprenditoriale e i suoi obiettivi sono stati presentati nei mesi scorsi ai principali attori del mondo della ricerca e delle Università, italiane ed estere.

Sono stati esaminati oltre 100 progetti (prototipi, risultati di ricerca applicata, spin-off) e rispettivi proponenti, ai quali sono state esposte le attività e gli ambiti di interesse in cui ProTer sta valutando possibili investimenti con operazioni di venture con tagli tra 0,5 e 2,0 milioni di euro, supportati dal gruppo Finanziaria Industriale, holding di partecipazioni societarie in ambito manifatturiero in Italia e all’estero.

Per i progetti di successo, lo scale-up produttivo su volumi di massa richiederà un secondo round di finanziamento tra i 10 e i 50 milioni di euro, sostenuto dalla capogruppo in autonomia, con i propri partner o con investitori terzi.

Condividi: