Home Agricoltura 4.0 L’alveare che dice Sì! porta la genuinità nel piatto

L’alveare che dice Sì! porta la genuinità nel piatto

pubblicato il: - ultima modifica: 12 Ottobre 2021
alveare che dice sì

alveare che dice sìMangiare bene e sano è un’esigenza sempre più sentita, soprattutto nelle città: questa necessità ha favorito la nascita de L’alveare che dice Sì, un’iniziativa imprenditoriale, nata a Torino circa un anno fa, legata al cibo del territorio e genuino.

Non vi piacerebbe infatti ritrovare il sapore della verdura dell’orto o scoprire nuovi tipi di alimenti?

Per farlo ci si può unire a un alveare che contiene prodotti buoni e sani e che portano nel piatto tutto il sapore e la genuinità del territorio da cui provengono. Ma di cosa stiamo parlando?

L’Alveare che dice Sì è una piattaforma online che permette una distribuzione più efficiente dei prodotti locali. Si tratta di una piattaforma di vendita che favorisce gli scambi diretti fra produttori locali e le comunità di consumatori che si ritrovano creando piccoli mercati temporanei a Km0, definiti alveari.

Il concept del progetto è sostenibile dal punto di vista economico, sociale e ambientale perché permette di fare gli acquisti online dai produttori locali.

L’Alveare che dice Sì si fonda sull’economia partecipativa, la sharing economy: chiunque, privato, azienda o associazione può aprire il proprio alveare. Negli alveari i consumatori ritroveranno una volta la settimana i produttori locali che consegneranno la merce acquistata sulla nostra piattaforma web creando così un ritrovo, un mercato effimero!

L’Alveare che dice Sì mette in rete i prodotti locali e favorisce la diversità delle produzioni agricole, delle specie, delle superfici, dei gesti e dei luoghi di distribuzione per rispondere alla diversità delle persone e dei loro bisogni.

Inoltre la cooperazione con tutta Europa – che conta più di 700 gestori che hanno iniziato l’avventura insieme a The Food Assembly – permette di ridurre al minimo i costi di sviluppo e massimizzare le sinergie tra i vari paesi. La piattaforma è condivisa e l’Alveare che dice Sì lavora insieme agli altri team per continuare a svilupparla e adattarla al territorio.

L’Alveare che dice Sì non si occupa solo di riempire cesti di prodotti locali, ma cerca anche di creare una community online attiva sviluppando diversi strumenti per educare, condividere e creare un legame più forte tra produttori e membri.

Insomma, una bella storia di innovazione tecnologica, di startup legata al proprio territorio per riscoprire il valore della biodiversità e della genuinità degli alimenti.

Condividi: