Home Eco Lifestyle Earth Hour 2016 batte tutti i record

Earth Hour 2016 batte tutti i record

earth hour 2016

earth hour 2016Ha battuto tutti i record precedenti la decima edizione di Earth Hour/Ora della Terra, la maratona planetaria di spegnimenti di luoghi simbolo e eventi organizzata dal WWF.

Dalle Isole Samoa a Santiago 1,23 milioni di persone hanno aderito in 24 ore allo spegnimento per accendere il cambiamento di cui ha bisogno il nostro pianeta e impegnarsi e muovere all’azione contro il cambiamento climatico.

Per 24 ore si sono spenti luoghi simbolo come l’Opera House di Sydney, il Big Ben e il Palazzo di Westminster a Londra, la Tokyo Tower, l’Empire State Building a New York, la Marina Bay Sands di Singapore. In Italia è toccato alla Fontana di Trevi con Piero Angela ospite d’onore, e poi alla Basilica di San Pietro, al Colosseo insieme a tanti palazzi istituzionali, Quirinale, Palazzo Madama, Palazzo Chigi, Palazzo Montecitorio, Palazzo Valentini.

In nottata è giunto anche il messaggio di sostegno da parte del Segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-Moon: “Earth Hour arriva in un momento cruciale in cui la strada che dobbiamo percorrere richiede impegno e ambizione, impegno in cui tutti devono fare la propria parte”.

Anche il palazzo dell’Onu a New York si è spento ieri sera: luogo quanto mai simbolico che vedrà il prossimo 22 aprile la firma dell’accordo di Parigi sul clima raggiunto alla COP21. Quel giorno il WWF si augura che tutti i Paesi annunceranno ulteriori sforzi per rendere i target di riduzione della CO2 coerenti con l’obiettivo di 1,5°C.

Nelle ore in cui si festeggiava Earth Hour lungo le coste atlantiche è arrivato il sostegno di altri testimonial d’eccezione: l’invito a partecipare sono comparsi sui profili di Leonardo di Caprio, Gisele Bundchen, che si aggiungono ai testimonial italiani: Marco Mengoni, Fedez, Neri Marcorè, Niccolò Fabi, Vittorio Brumotti, Lisa Casali.

Anche il mondo dello sport italiano è sceso in campo a fianco del WWF in virtù di un accordo europeo SKY-WWF: oltre alla Lega Basket, Lega Serie B e Lega B Solidale, allo Stadio Olimpico nel match con l’Inter la Roma ha giocato la sua partita contro i cambiamenti climatici indossando la maglia con il logo Sky-WWF per l’Earth Hour sulla manica. Una lunga programmazione speciale si poi è svolta sulla piattaforma SKY grazie alla collaborazione con il WWF in 5 paesi europei.

“Questo evento non sarebbe stato possibile senza la partecipazione convinta di tutti” ha dichiarato Donatella Bianchi, Presidente del WWF Italia “Vogliamo ringraziare le migliaia di cittadini, le istituzioni, le imprese e soprattutto i volontari che hanno in ogni modo reso questo evento un momento non solo di impegno ma anche di festa e di coesione per un obiettivo comune, agire in prima persona per un cambiamento concreto in difesa della vita sulla Terra. L’Italia della bellezza con i suoi straordinari capolavori artistici e architettonici si è spenta per illuminare il cambiamento. L’Earth Hour 2016, con i suoi numeri da record, non solo sollecita azioni urgenti e concrete contro il climate change, ma ha assunto un significato speciale soprattutto in vista della firma ufficiale dell’Accordo globale sul clima prevista ad aprile”.

In Italia si è anche svolta la più grande cena sostenibile e solidale a lume di candela con centinaia di adesioni di famiglie e amici che hanno trasformato il gesto simbolico di spegnere la luce in momenti di incontro per passare momenti di convivialità. L’iniziativa, nata grazie alla collaborazione con Altromercato, la maggiore organizzazione di Commercio Equo e Solidale in Italia e tra le principali a livello internazionale, ha visto a Milano cene speciali e momenti di sensibilizzazione presso la Fiera Fa’ la cosa giusta.

L’Earth Hour in numeri

Record di partecipazioni di paesi e territori mondiali, 178 in tutto il mondo; oltre 6.600 eventi organizzati nel mondo segnalati da individui e organizzazioni; 1,23 milioni di azioni individuali concrete di riduzioni dell’impatto sul clima (spegnimenti, cene solidali, petizioni per il clima); oltre 400 simboli mondiali spenti; in Italia 400 simboli tra torri, ponti, castelli, monumenti storici, sculture; social da record nel mondo: oltre 2 miliardi e mezzo di visualizzazioni degli hashtag dedicati; boom Social anche in Italia: circa 1 milione di persone coinvolte sulle bacheche Facebook.

L’hashtag #oradellaterra è stato costantemente nei top trend italiani per tutta la durata dell’iniziativa con alcuni picchi in cui ha raggiunto la quarta posizione.

Condividi: