Home Eco Lifestyle White bin e le campane del vetro diventano street art

White bin e le campane del vetro diventano street art

città: Bologna - pubblicato il:
white bin

white binA Bologna grazie a Hera parte White Bin, un progetto di street art, che punta a trasformare, grazie all’inventiva e al genio dell’associazione culturale Sabotage, le campane del vetro sparse in città.

Cinque artisti, tra i più conosciuti nella scena underground italiana, saranno chiamati a interpretare il tema della rinascita sulle campane per la raccolta differenziata del vetro, che per l’occasione si presenteranno bianche.

Gli ingredienti di White Bin sono semplici ed efficaci: cinque luoghi di Bologna, cinque campane del vetro, cinque artisti. La sfida, un’esperienza di riqualificazione urbana che combina street art e contenitori dei rifiuti, è stata raccolta da Night B Night, Reqvia, Francis & Nervos, Tristan e Gear 27, importanti street artist italiani tutt’ora attivi sul nostro territorio.

Dalle 10 alle 20 di sabato 7 maggio, infatti, saranno loro a intervenire su 5 contenitori per la raccolta del vetro, trasformandoli in opere d’arte sotto gli occhi dei cittadini, durante un vero e proprio evento di live painting. Le campane del vetro, appositamente realizzate in bianco dal Gruppo Hera, potranno così rinascere simultaneamente in 5 punti diversi del centro di Bologna.

L’idea nasce da una riflessione sull’identità visiva delle nostre città e intende rilanciare in modo originale il tema dello sviluppo creativo dell’ambiente urbano. Il curatore della prima edizione di White Bin è Pietro Rivasi, dal 2002 organizzatore di Icone, primo festival italiano dedicato alla street art.

White Bin è pensato per celebrare due momenti

Il primo è l’attività di writer e street artist, che da sempre utilizzano infrastrutture e suppellettili urbane per lasciare i loro segni, rivendicando lo spazio pubblico come luogo originario della libertà d’espressione.

L’altro è il concetto di rinascita, di seconda vita, tratto distintivo che definisce la vocazione stessa dell’arte urbana, continuamente impegnata nel dare nuovi significati a luoghi, non-luoghi e oggetti del contesto urbano.

Il tema della rinascita, d’altra parte, si connette idealmente a quello della raccolta differenziata e del recupero dei materiali. Rinascita, infatti, vuol dire anche questo: recuperare, rilanciare, riproporre nell’ambiente e a disposizione della comunità quello che altrimenti sarebbe stato buttato. E proprio il vetro – riciclato da Hera al 99% – rappresenta in questo senso uno degli esempi più indicativi.

“Da sempre” dichiara Giuseppe Gagliano, Direttore Centrale Relazioni Esterne del Gruppo Hera “siamo impegnati nella promozione delle arti e delle più svariate forme espressive. Quando ci hanno proposto di ospitare la street art sulle nostre campane del vetro, quindi, l’entusiasmo ci ha subito coinvolto. Recuperare la materia e portarla a nuova vita è per noi un motivo conduttore, un lavoro costante. Diventa fantastico, però, farlo assieme agli artisti, con i messaggi e le immagini che sapranno immettere, attraverso i nostri contenitori del vetro, in quel tessuto urbano a noi così caro”.

I luoghi della città di Bologna in cui si potrà assistere all’evento di live painting White Bin sono i seguenti: Piazza xx settembre, Piazza Verdi, Via Orefici, Via Indipendenza 10, Via del Pratello 34.

Condividi: