Home Smart City KiSS Mugello, sostenibilità e riciclo al MotoGP

KiSS Mugello, sostenibilità e riciclo al MotoGP

città: Firenze - pubblicato il:
kiss mugello

kiss mugelloRaccolta differenziata e riciclo, contrasto al littering (abbandono dei rifiuti) e lotta contro lo spreco di cibo, sostegno ad attività di carattere sociale: sono alcune delle iniziative di KiSS Mugello-Keep it Shiny and Sustainable, il programma di sensibilizzazione sui temi della sostenibilità ambientale e sociale che torna per il quarto anno consecutivo al Gran Premio d’Italia TIM di Motociclismo, sesta prova del motomondiale in programma all’Autodromo del Mugello (Scarperia, FI) nel week-end del 20-22 maggio 2016.

KiSS Mugello punta soprattutto sul coinvolgimento del pubblico degli appassionati di motociclismo per veicolare il messaggio che i comportamenti individuali sono fondamentali per costruire un modello di sviluppo sostenibile. Il messaggio è rivolto anche ai team, ai piloti, agli organizzatori, a tutti coloro che lavorano e partecipano al grande evento sportivo.

L’obiettivo è anche rendere la sostenibilità divertente e di tendenza. Perché trattare bene l’ambiente dà gusto, come ama dire Valentino Rossi, che insieme ad altri celebri piloti del motociclismo internazionale è FIM Environmental Ambassador (Ambasciatore Ambientale della Federazione Internazionale di Motociclismo).

Le iniziative proposte da KiSS Mugello riguardano in particolare la raccolta differenziata dei rifiuti: umido, vetro, plastica, alluminio, carta e cartone. In aggiunta da quest’anno ci sarà anche la raccolta di pile usate a cura di European Recycling Platform. Per agevolare il pubblico, saranno distribuiti all’ingresso 20mila kit contenenti sacchetti colorati per la raccolta differenziata, insieme a materiale informativo che stimolerà gli spettatori (che campeggiano festosamente sempre in gran numero per tutto il week-end sulle colline intorno alla pista) a tenere pulito l’ambiente. Nell’area dell’autodromo, compreso il paddock, saranno allestite 15 isole ecologiche (punti di riciclaggio con grandi contenitori per la raccolta differenziata).

Negli hospitality del paddock si farà poi la raccolta dell’olio alimentare usato grazie a Olly di Eco.Energia, un sistema economico, sostenibile e pulito che si occupa della gestione di questa speciale tipologia di rifiuto in ogni sua fase. Si raccoglierà anche l’olio esausto dei motori, che verrà recuperato e riutilizzato grazie a consorzi specializzati del territorio.

KiSS Mugello: sport, passione ma anche sostenibilità

Oltre alla sostenibilità ambientale, KiSS Mugello avrà attenzione anche alla sostenibilità sociale. Gli spettatori potranno acquistare T-shirt Yellow+Blue=Green, messe a disposizione da VR | 46, il cui ricavato, come nel 2015, sosterrà progetti della Fondazione dell’Ospedale Pediatrico Meyer di Firenze a favore dei bambini ricoverati. Quest’anno, inoltre, per la raccolta dell’alluminio KiSS Mugello collabora con CIAL (Consorzio Imballaggi Alluminio) e Quadrifoglio nell’ambito del progetto Raccolta Solidale, il cui ricavato sarà devoluto sempre alla Fondazione Meyer.

Con KiSS Mugello l’Autodromo del Mugello conferma la sua importante tradizione di impegno nella sostenibilità. Nel 2015 è stato il primo circuito al mondo ad ottenere il titolo di Achievement of Excellence, assegnato dal programma di sostenibilità ambientale della Fia (Federazione Internazionale dell’Automobile). Il circuito è anche certificato per la gestione ambientale con Iso 14001:2004 e Emas (Eco-Management and Audit Scheme) e per la gestione salute e sicurezza con OHSAS 18001:2007. Nella tribuna principale dell’autodromo è installato un impianto fotovoltaico da 252 kWp (kilowatt picco), che assicura una produzione annua di circa 300.000 kWh, che copre il 20% delle necessità complessive del circuito.

Campagna sociale con hashtag #kissmugello

Per coinvolgere il pubblico già prima del week-end di gara, KiSS Mugello ha lanciato una campagna sui social network (hashtag #kissmugello). Durante i tre giorni del Gran Premio, lo staff di KiSS Mugello girerà nel paddock e in tutto il circuito con cornici-banner mobili per fotografare e condividere sui social network i comportamenti più sostenibili. KiSS Mugello attraverso i social network stimolerà anche i cittadini e i Comuni dell’area del Mugello ad attivarsi nei giorni del Gran Premio nei modi che ritengono più opportuni.

L’edizione 2016 di KiSS Mugello punta a superare i risultati del 2015, quando vennero raccolte 44 tonnellate di rifiuti differenziati. A gran premio disputato, verrà realizzato anche un rendiconto sull’impatto ambientale e sociale prodotto da KiSS Mugello.

La prima edizione del programma KiSS è stata organizzata al Mugello nel 2013, quando Yamaha Motor Racing e l’Autodromo del Mugello hanno presentato la nuova iniziativa alla FIM (Federazione Internazionale di Motociclismo) per la sensibilizzazione degli spettatori nei circuiti motoristici mondiali sui temi della sostenibilità. Attraverso il programma FIM Ride Green, la FIM ha anche costituito un vero e proprio team di Environmental Ambassadors, un gruppo di celebri piloti, fra cui Valentino Rossi, che promuovono i valori della sostenibilità nei circuiti di tutto il mondo.

Condividi: