Home Imprese Sostenibili Attiv-Aree: Fondazione Cariplo pubblica la Call for Ideas

Attiv-Aree: Fondazione Cariplo pubblica la Call for Ideas

città: Milano - pubblicato il:
attiv-aree call for ideas

attiv-aree call for ideasÈ stata pubblicata la Call for ideas del programma Attiv-Aree dedicato alla valorizzazione delle aree interne e c’è tempo fino al 30 giugno per presentare la propria candidatura.

Saranno selezionate una o due aree che – insieme a Fondazione Cariplo – potranno dare nuova vita al proprio territorio.

Il 60% del territorio italiano è rappresentato dalle aree interne: territori periferici ricchi di storia, tradizioni, risorse naturali, valori, ma penalizzati da una limitata accessibilità ai servizi essenziali e attualmente non sempre in grado di mantenere o attrarre residenti, con conseguenze di abbandono e spopolamento.

L’esperienza della Fondazione Cariplo nei processi condivisi di promozione di sviluppo locale e di valorizzazione delle risorse delle comunità e dei territori, l’attuale impegno delle istituzioni sul tema delle aree interne, la crescente diffusione di esperienze di ritorno alla montagna e di buone pratiche e politiche di valorizzazione di questi luoghi rappresentano oggi il terreno fertile sui cui si innesta il programma Attiv-Aree.

Obiettivi del programma Attiv-Aree

Con 10 milioni di euro a disposizione per il triennio 2016-2018, Attiv-Aree intende contribuire, nell’ambito del territorio di riferimento della Fondazione, a riattivare e aumentare l’attrattività delle aree interne per gli abitanti, i nuovi residenti e i potenziali investitori, riducendone l’isolamento e favorendo buone pratiche di ritorno. In particolare, vuole promuovere lo sviluppo locale sostenibile, valorizzando le risorse ambientali, economiche, sociali e culturali, nonché legami di collaborazione, solidarietà e appartenenza.

Attiv-Aree si fonda sulla valorizzazione del ruolo e delle competenze del terzo settore, sulla promozione di processi partecipativi e sullo sviluppo di interazioni proficue tra aree interne e aree urbane. Il tutto mediante l’adozione di approcci intersettoriali che integrino aspetti ambientali, sociali, culturali, economici e opportunità di ricerca.

Gli ambiti cardine su cui si focalizzerà il programma sono il potenziamento e l’innovazione delle economie locali e dell’imprenditorialità giovanile; la valorizzazione del patrimonio e dell’identità culturale; la prevenzione e la riduzione del rischio idrogeologico; la promozione di attività di educazione/formazione e di contenuti innovativi di carattere scientifico e tecnologico; l’accoglienza e inserimento sociale/lavorativo dei migranti e dei nuovi residenti; la comunicazione e la promozione delle risorse e delle potenzialità del territorio; l’advocacy legislativa legata alle specificità delle aree interne.

Attiv-Aree coinvolgerà una o due aree del territorio di riferimento della Fondazione nell’attuazione di una strategia di sviluppo locale condivisa con la comunità e i portatori di interesse. La Call for ideas rappresenta il primo step del programma (Fase I) e servirà per raccogliere le idee progettuali per la realizzazione di studi di fattibilità di sviluppo territoriale capaci di produrre risposte positive e durature ai problemi derivanti dall’isolamento e dall’abbandono delle aree interne, trasformando questi elementi in opportunità di innovazione, di crescita e di riconoscimento identitario.

Le aree selezionate saranno quindi ammesse alle Fasi II e III del programma e, tramite un accompagnamento alla progettazione, giungeranno alla realizzazione degli interventi. La scadenza per la presentazione delle idee è fissata per giovedì 30 giugno alle ore 17.

Condividi: