Home Green Jobs Young Business Talents: i giovani vogliono fare gli imprenditori

Young Business Talents: i giovani vogliono fare gli imprenditori

pubblicato il: - ultima modifica: 7 Agosto 2020
Young Business Talents

Young Business TalentsI nostri giovani sognano di diventare imprenditori: è il dato che emerge da una ricerca realizzata nell’ambito del progetto Young Business Talents fra i giovani studenti pre-univeristari di Italia, Spagna, Portogallo e Grecia, nella fascia di età dai 15 ai 21 anni.

Il 42% dei giovani guarda al futuro con ottimismo e ritiene che l’attuale situazione lavorativa migliorerà. Questa la percezione dei giovani del mercato del lavoro nell’arco dei prossimi 5 anni.

L’indagine è stata promossa da Nivea e condotta da Praxis, partner del progetto Young Business Talents, tra i Paesi del Sud Europa, (Italia, Spagna, Grecia e Portogallo) da settembre a ottobre 2015, e presenta desideri, atteggiamenti e tendenze dei giovani pre-universitari italiani in merito al loro futuro professionale.

Dalla ricerca promossa emerge che gli studenti italiani desiderano un approccio più pratico verso il mondo del lavoro già a livello scolastico, considerandolo essenziale o importante e a completamento della sola teoria.

Il 16% dei giovani pre-universitari ritiene che il posto di lavoro come pubblico dipendente dia maggiori garanzie per il futuro, contro il 45% che intende avviare una propria attività imprenditoriale. Tra i Paesi del Sud Europa, l’Italia è al secondo posto, dopo il Portogallo, per quanto riguarda proprio questo desiderio di imprenditorialità tra i giovani studenti.

Invece, il posto di lavoro da pubblico dipendente è largamente desiderato dai giovani della Puglia, Sardegna e Sicilia, il 45% in più rispetto ai giovani della zona nord, dove solo il 13% dà la propria preferenza a tale opzione. Anche in termini di possibilità occupazionali all’estero, l’89% accetterebbe di buon grado il trasferimento, pur di entrare nel mondo del lavoro.

La ricerca ha analizzato anche la diversa scelta dell’attività lavorativa in base al genere: le donne propendono maggiormente per il lavoro per conto terzi (42%) e per il lavoro da pubblico dipendente (18%), mentre gli uomini preferiscono la via dell’imprenditorialità (51%).

Questi i risultati emersi dall’indagine correlata al progetto di formazione Young Business Talents, che ha visto il coinvolgimento di 3.522 studenti delle scuole superiori di secondo grado e centri di formazione professionale. Un’esperienza formativa molto apprezzata sia dai ragazzi che dalle scuole, e che si concluderà a fine maggio con la finale internazionale, quando le sedi locali Beiersdorf di Italia, Spagna, Portogallo e Grecia, apriranno le proprie porte ai giovani studenti, per dare loro la possibilità di vivere in prima persona il clima aziendale, sfidare online le aziende competitor e raggiungere per primi l’obiettivo finale: il titolo di Best Young Business Talents Team in S.O.E..

A rappresentare l’Italia saranno le studentesse del team QUELLE GIUSTE dell’Istituto Salvemini di Alessano, della provincia di Lecce.

Condividi: