Home Imprese Sostenibili Detrazioni fiscali: quali sono gli interventi inclusi nel provvedimento?

Detrazioni fiscali: quali sono gli interventi inclusi nel provvedimento?

pubblicato il: - ultima modifica: 12 Ottobre 2021
detrazioni fiscali - agevolazioni fiscali

detrazioni fiscaliAnche per il 2016 sono previste detrazioni fiscali Ires e Irpef per gli interventi di ristrutturazione o miglioramento energetico di abitazioni, aziende e condomini.

Il Governo italiano rinnova anche per il triennio 2014-2016 le detrazioni fiscali per gli interventi di ristrutturazione e riqualificazione energetica degli immobili.

Sulla scia del grande successo e dell’elevato numero di adesioni registrate negli anni precedenti, la nuova legge di Stabilità approvata dal Governo Renzi conferma e rinnova le detrazioni Ires e Irpef fino al 65% per tutti i lavori di ristrutturazione o mirati al miglioramento del livello energetico di abitazioni, imprese e parti comuni di condomini.

Tra le novità introdotte rientra la possibilità di accedere alle detrazioni anche per i lavori e gli interventi compiuti nelle parti comuni di condomìni.

Detrazioni fiscali: opportunità per il rinnovo dell’edilizia

Le detrazioni fiscali Ires e Irpef, definite anche con l’espressione Ecobonus, rappresentano un valido incentivo al miglioramento del livello energetico degli edifici italiani.

Infatti uno dei problemi che da sempre penalizza il settore edilizio è proprio l’adozione di soluzioni energetiche ormai obsolete e spesso altamente inquinanti. Proprio per questo motivo è stato deciso di applicare le detrazioni solo agli interventi compiuti su edifici già esistenti, e non in fase di costruzione.

Potranno beneficiare di questo importante sistema di agevolazioni fiscali tutti gli interventi in grado di favorire un minore dispendio energetico, come per esempio la sostituzione del vecchio impianto di riscaldamento con soluzioni a basso impatto ambientale, come pompe di calore e impianti geotermici. Anche la sostituzioni di infissi e finestre e gli interventi mirati all’isolamento termico dell’edificio rientrano nel provvedimento.

Un discorso a parte merita invece l’acquisto, installazione e messa in opera dei pannelli solari termici. Infatti i grandi vantaggi offerti dal fotovoltaico hanno spinto anche negli anni precedenti molti cittadini italiani ad acquistare questi sistemi energetici green.

Con l’attuazione di questi nuovi incentivi è quasi scontato prevedere un’ulteriore crescita del settore. Potranno beneficiare di questa nuova opportunità tutti i privati, le imprese e gli Istituti autonomi che gestiscono le case popolari.

Quali sono i nuovi interventi?

Oltre alle detrazioni previste già previste negli anni precedenti, con la nuova versione del provvedimento sono state inserite altre tipologie di interventi, come per esempio:

  • l’acquisto di dispositivi multimediali per il controllo da remoto degli impianti di riscaldamento, la produzione di acqua calda e la climatizzazione nelle unità abitative che consentono di monitorare i consumi, verificare il funzionamento dell’impianto e segnalare delle anomalie
  • i lavori finanziati dagli Istituti autonomi per le case popolari e realizzati tra il 1º gennaio e il 31 dicembre 2016
  • lavori realizzati nelle parti comuni di condomini. In questo caso saranno le imprese a beneficiare delle detrazioni garantendo però ai condomini uno sconto proporzionato al costo

Detrazioni fiscali anche per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici

La legge di Stabilità 2016 ha previsto delle detrazioni anche per l’acquisto di mobili e di elettrodomestici. Anche in questo caso sono previste delle specifiche condizioni, ovvero:

  • nel caso degli elettrodomestici è la classe energetica, rigorosamente elevata, ovvero da A+ in su
  • nel caso del Bonus Mobili è richiesto che almeno uno dei componenti della coppia abbia meno di 35 anni e che i mobili siano destinati ad arredare la prima casa
Condividi: