Home Pets Fitoterapia: dalla natura le cure per i nostri animali

Fitoterapia: dalla natura le cure per i nostri animali

pubblicato il: - ultima modifica: 8 Settembre 2020
fitoterapia animali - stress cani

Gli animali istintivamente utilizzano da sempre la fitoterapia, ovvero la terapia attraverso le piante

Partendo dall’osservazione di questa attitudine comune a tutte le specie animali, compresa la nostra, recentemente sono stati realizzati molti studi veterinari che si identificano principalmente nella zoofarmacognosia.

Questa disciplina scientifica studia i metodi e le pratiche utilizzati in natura dagli animali (anche dagli insetti) per curarsi. Chi vive con un cane o un gatto può facilmente osservare l’attività depurativa praticata attraverso il consumo di erba quando necessita.

Gli animali in generale si curano per esempio ingerendo o applicando vegetali sul corpo, mangiando la terra dalla quale traggono i minerali oppure, come nel caso di alcune specie di uccelli, sterilizzando i nidi con particolari foglie.

Alcuni studi veterinari più all’avanguardia individuano nella fitoterapia un mezzo indicato per curare molti disturbi, dalle irritazioni cutanee ai problemi osteo-muscolari, e anche come prevenzione e rafforzamento del sistema immunitario.

È bene ricordare tuttavia che l’utilizzo dei rimedi fitoterapici deve essere affidato a veterinari competenti in grado di verificare dosaggio e posologia. In particolare, per quanto riguarda i pet, è possibile integrare nei mangimi alcuni estratti da piante officinali e frutta per migliorarne il benessere.

I vantaggi della fitoterapia

La presenza di fitoestratti negli alimenti contribuisce anche a regolare il sistema immunitario e a ridurre le infiammazioni derivate dalla presenza di residui di antibiotici presenti nei mangimi industriali più diffusi.

Oggi si trovano in commercio mangimi nutraceutici che abbinano nutrizione e cura, utili soprattutto nei casi in cui ci siano patologie croniche che necessitano di cure costanti.

Come spiega Gianandrea Guidetti, farmacista esperto di fitoterapia e ricercatore per SnyPet e Forza10: “I farmaci veterinari restano basilari, ma la combinazione tra alimento e farmaco, propria dei nutraceutici, ne permette un uso più appropriato e porta alcuni importanti vantaggi pratici. Le difficoltà di assunzione di determinati farmaci per via della loro forma o uso viene ovviata dalla presenza dei principi attivi all’interno di un alimento appetibile, permettendo così una somministrazione costante“.

Insomma, la natura è un’inesauribile fonte di apprendimento, basta saperla osservare.

Condividi: