Home Imprese Sostenibili Provare la cena stellare, si può con Fanceat e ReadyToLunch

Provare la cena stellare, si può con Fanceat e ReadyToLunch

pubblicato il: - ultima modifica: 12 Ottobre 2021
cena stellare

cena stellarePreparare una cena stellare a San Lorenzo, la notte delle stelle cadenti, per vivere un’esperienza da astronauti nella propria cucina.

È l’idea, certamente originale, proposta da Fanceat – startup che spedisce a domicilio box refrigerati con tutto l’occorrente per cucinare in soli 15/20 minuti un menù gourmet di tre portate ideato dagli chef di selezionati ristoranti – e da ReadyToLunch – marchio di Argotec nato dall’esperienza maturata nell’ambito della preparazione del cibo per gli astronauti europei.

Cucinare una cena stellare di alta ristorazione con degli ingredienti spaziali, gli stessi che Samantha Cristoforetti, Luca Parmitano e Alexander Gerst consumano durante le loro missioni: esiste un modo più originale e gustoso per sentirsi in orbita nella notte magica delle stelle cadenti?

Alla Scoperta del Nucleo, Forme di Vita su Pianeta Sconosciuto e Atterraggio di Emergenza sono i tre piatti del menù La Cucina Stellare, preparati dallo chef Cesare Grandi de La Limonaia di Torino. Tre portate capaci di esaudire i vostri desideri culinari e al contempo trasformare la vostra cucina in un vero e proprio laboratorio del futuro, riproducendo il cooking on orbit, a partire dagli ingredienti preparati da ReadyToLunch per la preparazione del cibo consumato nello Spazio.

La scommessa è quella di preparare piatti da grande ristorante partendo da ingredienti davvero inusuali: è il cibo del futuro? Probabilmente sì. E vale la pena essere dei pionieri con una cena stellare, di nome e di fatto!

Condividi: