Home Smart City Linea M4: come sarà? Te lo dice Citymapper

Linea M4: come sarà? Te lo dice Citymapper

pubblicato il: - ultima modifica: 12 Ottobre 2021
linea m4 milano

linea m4 milanoLa nuova linea M4 di Milano, attualmente in costruzione, vedrà la luce nel 2022, anno in cui è prevista la conclusione dei lavori e l’apertura ufficiale.

Come sarà? Quanto faciliterà gli spostamenti dei milanesi? A raccontare lo sviluppo del progetto, i risultati e le prospettive c’è l’App per smartphone Citymapper, che permette agli utenti di viaggiare utilizzando i mezzi pubblici.

La startup, nata a Londra e attiva a Milano e a Roma (e nelle più importanti città del mondo), accompagna i propri utenti alla scoperta dei futuri cambiamenti che riguarderanno il trasporto pubblico di Milano anche nei prossimi anni, focalizzandosi sulla metro di Milano, e non poteva fare a meno di osservare attentamente anche i lavori che riguardano la nuova linea M4, iniziati nel 2012.

Linea M4: lunghezza, stazioni, collegamenti

La linea M4, la Blu, che avrà in totale 21 stazioni, con numerosi interscambi con le altre metropolitane e le ferrovie, sarà lunga circa 15 km e alle due estremità troveremo Linate (a est) e San Cristoforo (a sud-ovest).

“L’importanza della linea M4” spiega Guk Kim, General Manager di Citymapper in Italia “risiede in modo particolare nel rapido collegamento che offrirà con l’aeroporto di Linate (rispetto all’autobus 73), ma consiste anche nel velocizzare notevolmente gli spostamenti nel centro città, considerato che toccherà zone come San Babila e Sant’Ambrogio. Da San Babila all’aeroporto, per esempio, ci vorranno meno di 20 minuti, mentre attualmente il tempo stimato è più di 30 minuti. E sappiamo quanto valgono anche 10 minuti risparmiati per la maggior parte dei milanesi!”.

Oltre all’aeroporto sarà facilmente raggiungibile anche l’Idroscalo, quello che viene comunemente definito il mare dei milanesi: grazie a questa nuova linea, quindi, sarà possibile trascorrere intere giornate in questo grande parco senza doversi preoccupare dei parcheggi, che in questa zona sono a pagamento.

Il progetto di questa linee testimonia uno sguardo attento nei confronti dei viaggiatori, di chi arriva dall’estero per fare visita alla città di Milano, dei lavoratori che si spostano di frequente e di chi vuole semplicemente raggiungere il centro o luoghi di svago fuori dal traffico.

Infine, i treni saranno automatici e riprenderanno esteticamente e funzionalmente quelli della linea M5, ovvero la Lilla.

“Prepariamoci quindi a includere una nuova tratta nella rete gestita da ATM Milano” conclude Guk Kim “e a considerare nella Mappa di Milano anche la linea M4 fra le linee metropolitane, visto che i cambiamenti futuri saranno senza dubbio positivi per la città”.

Condividi: