Home Smart City PureAirZone: un progetto per città smart e con l’aria pulita

PureAirZone: un progetto per città smart e con l’aria pulita

città: Torino - pubblicato il:
pureairzone torino

pureairzone torinoUn progetto ambizioso, PureAirZone, immaginato e realizzato a Torino e che punta allo sviluppo di città intelligenti, con trasporti sostenibili ed efficienti ma, soprattutto, con l’aria pulita.

In Italia, l’industria automobilistica ha dato a Torino il primato di città più inquinata della penisola: un grigio velo di smog incastrato sopra l’area urbana, immobile nel cielo a causa dalle montagne che lo circondano e lo chiudono.

Ma è proprio da qui, dai luoghi urbani che maggiormente in passato hanno sofferto l’inquinamento, che rinasce una nuova idea di città. A Torino, con il progetto PureAirZone si sperimenta ciò che può essere la città del futuro: intelligente nei trasporti e nell’organizzazione degli spazi e dei tempi, ma soprattutto, e a sorpresa, caratterizzata dall’aria pulita.

Come? Tramite la biotecnologia. Si tratta di un impianto brevettato dalla società torinese U-earth, caratterizzato da un sistema biologico di purificazione dell’aria in grado di catturare le sostanze contaminanti e trasformarle in elementi innocui per l’uomo e per l’ambiente. In poche parole, l’installazione riproduce il processo che la natura stessa adotta per eliminare i contaminanti dall’ambiente, miniaturizzandone gli ingombri e accelerando i tempi di raggiungimento dell’equilibrio.

L’installazione è in grado così di creare una sorta di bolla d’aria pulita che si estende per 400 metri quadrati per ogni purificatore, funzionante grazie all’energia rinnovabile dei pannelli solari. Per il progetto di Torino Livin g Lab sono stati scelti i pannelli solari policristallini Giocosolutions per una potenza di 220watt leggerissimi e flessibili con l’utilizzo della tecnologia Gwire.

La sperimentazione è iniziata il mese scorso presso i giardini Dispersi sul fronte Russo di corso Svizzera, angolo via Medici, dove si può trovare la prima zona d’aria pulita della città. Si tratta di un laboratorio che servirà ad analizzare i componenti dell’aria ripulita nel corso del tempo e tramite rilievi continui, analisi dei picchi, rilevazione dei valori notturni, correlazione dei dati.

È solo l’inizio di una grande rivoluzione, come fu quella industriale. Questa volta, però, la città non la subirà passivamente, ma sarà al centro attivo di una nuova filosofia di vita: quella che immagina lo spazio urbano come luogo sostenibile per la vita umana di alta qualità – una qualità che parte dall’aria, dall’acqua e dall’energia – in un futuro prossimo, nemmeno troppo lontano.

Condividi: