Home Eventi Habitat_Scenari Possibili, rassegna di arti performative

Habitat_Scenari Possibili, rassegna di arti performative

pubblicato il: - ultima modifica: 12 Ottobre 2021
Habitat_Scenari Possibili

Habitat_Scenari PossibiliHabitat_Scenari Possibili, rassegna di arti performative torna con la sua II edizione dal 10 settembre al 2 ottobre 2016 in 7 luoghi naturali lungo il Naviglio Martesana, in provincia di Milano.

L’iniziativa, organizzata da ILINXARIUM, Residenza artistica e curata da Nicolas Ceruti è promossa da Regione Lombardia e inserita nell’ambito di ECOISMI, manifestazione internazionale di arte contemporanea site-specific che si interroga sul rapporto tra arte, uomo e natura.

Habitat_Scenari Possibili propone 4 weekend con 15 appuntamenti aperti a tutti tra performance, incontri e dialoghi con artisti ed esperti, percorsi a piedi, in bicicletta e aperitivi sui temi dell’arte contemporanea che coinvolgeranno i luoghi interessati dalle installazioni create per ECOISMI 2016 a Vimodrone, Vaprio d’Adda, Cassano d’Adda, Inzago, Cernusco sul Naviglio, Cassina de’ Pecchi e Parco Adda Nord.

In programma 6 performance di musica, teatro, danza e poesia che abiteranno creativamente le 8 opere sul territorio e permetteranno loro di vivere nuova vita e trovare nuova forma.

Ad ampliare il calendario della rassegna saranno Walk e Talk about, Biciclettate artistiche e Aperitivi critici, appuntamenti di approfondimento che permetteranno al pubblico di dialogare con artisti ed esperti per avvicinarsi alle installazioni e all’arte contemporanea, muoversi sui luoghi delle opere e conoscere il territorio che le ospita.

Habitat_Scenari Possibili indaga sul triplice rapporto tra il segno lasciato dall’artista visivo, l’interpretazione del pubblico e il successivo incontro di altri artisti performativi con l’opera d’arte. Le performance si inseriscono anch’esse in modo armonico negli ambienti naturali già abitati dalle opere e proseguono la riflessione sui concetti di valorizzazione del territorio, della sua memoria storica e identitaria e delle sue risorse naturali.

“Duplice obiettivo della manifestazione” spiega Nicolas Ceruti, direttore artistico della rassegna e di IILINXARIUM “è dar vita a una rete territoriale di promozione dell’arte contemporanea che stimoli positivamente il tessuto sociale che abita i luoghi interessati dagli interventi artistici, oltre a sviluppare processi di incontro e di conoscenza virtuosi, di coesione sociale e di adesione coerente ed ecologica al territorio”.

A inaugurare la rassegna sabato 10 settembre a Vimodrone a ridosso dell’opera dell’artista Alessandro Perini Proiezione stellare, sarà l’Aperitivo critico con Francesca Guerisoli, storica e critica d’arte, Daniele Salvalai, scultore e Renzo Francabandera, critico teatrale. A dare nuova lettura dell’opera attraverso la musica i THE PLEASE, band e orchestra folk rock del milanese che si esibirà in una performance acustica.

Si prosegue domenica 11 settembre con PANTA REI_Biciclettata critica da Vimodrone a Vaprio d’Adda attraverso le opere di ECOISMI 2016, condotta dalla responsabile alle visite guidate Martina Sacchi, e con la partecipazione di FIAB Ciclobby, onlus che promuove l’uso della bici per la mobilità quotidiana e il tempo libero. A ridosso dell’installazione di Ines Fiegert, Space as an Organism seguirà la performance di danza TEXTure a cura di Sara Catellani.

I sentieri di Villa Castelbarco a Vaprio d’Adda saranno il punto di partenza del Walk about di Carlo Infante, giornalista, esperto di teatro, nuovi media e tecnologie per l’apprendimento, che sabato 17 settembre guiderà i partecipanti in una camminata attraverso l’opera di Benny Mangone Pieces.

ATeMpo di Ma2 e Rainbow Wheels di Federica Pezzani e Daniele Verderio, realizzate a Cassano d’Adda, saranno protagoniste del secondo Walk about della giornata, che terminerà presso la terrazza del Dopolavoro. Qui sarà atteso un altro momento di approfondimento, Talk about con Carlo Infante, con aperitivo e musica a cura di Associazione ESCO.

Il secondo weekend della manifestazione terminerà domenica 18 settembre a Inzago con il Walk about che da Piazza Maggiore condurrà a Photosynthesis di Calembour. L’opera nel pomeriggio ospiterà la performance poetica A cosa serve la poesia? (Canti per la vita quotidiana) di e con Gianluigi Gherzi e Giuseppe Semeraro.

Sabato 24 settembre a Cernusco sul Naviglio, a ridosso dell’opera Sopra le nuvole di Emanuela Bizzozero, si terranno l’incursione teatrale Indagine su di un burattino al di sopra di ogni Geppetto di Compagnia CampoverdeOttolini e la performance partecipata Steli di Stalker Teatro. A seguire l’Aperitivo critico con il duo di artisti visivi Premiata Ditta e l’esperto di teatro moderno e contemporaneo, saggista e regista Tancredi Gusman.

Domenica 25 settembre a Cassina de’ Pecchi il sax di Pietro Tonolo e la chitarra di Giancarlo Bianchetti suoneranno in Dialogo con la luce per reinterpretare l’opera Pixel Shadow di VAHA. Ad approfondirne i temi nell’Aperitivo critico, Andrea Bruciati, critico d’arte, gli artisti Vedovamazzei, Iolanda Ratti, conservatrice del Museo del Novecento, e il giornalista e scrittore Salvatore Giannella.

La rassegna si chiuderà domenica 2 ottobre a Cassano d’Adda presso Casa Berva con l’Aperitivo critico con Carlo Palmisano, direttore artistico di Apulia Land Art Festival e Aristide Caramelli, Assessore alla Cultura del Comune di Cassano d’Adda. Tutti gli incontri saranno moderati da Nicolas Ceruti, direttore artistico della manifestazione e Ylbert Durishti, curatore di ECOISMI.

Condividi: