Home Eco Lifestyle Cicloturismo, un importante strumento di sviluppo del territorio

Cicloturismo, un importante strumento di sviluppo del territorio

cicloturismo

cicloturismoPuò il cicloturismo aiutare lo sviluppo del territorio? La risposta è certamente affermativa come spiega in termini scientifici Raffaele di Marcello, autore di diverse pubblicazioni su tematiche relative alla pianificazione territoriale, turismo, ambiente.

Infatti, in tutti i documenti e gli studi sul turismo sostenibile si affronta il problema dell’impatto ambientale dei trasporti connessi al turismo, che viene individuato come una delle maggiori criticità. Nel febbraio 2007 il Tourism Sustainability Group (TSG), nel rapporto Azione per un turismo europeo più sostenibile, individua nella bicicletta il mezzo di trasporto sostenibile per fini turistici.

Partendo da queste riflessioni e da una lunga esperienza sulle tematiche della mobilità sostenibile, di Marcello ha recentemente pubblicato il volume I turismi in bicicletta come strumenti di sviluppo del territorio, che riprende il lavoro svolto durante il dottorato di ricerca in Sociology of Regional and Local Development, XXVII ciclo, presso l’Università di Teramo.

La pubblicazione, sintesi di quanto discusso approfonditamente nel dottorato di ricerca, affronta le dinamiche del fenomeno del cicloturismo, fenomeno che negli ultimi anni ha conosciuto un rinnovato interesse ma che manca, almeno in Italia, di un approfondimento scientifico.

Il testo parte da un excursus sulla storia della bicicletta passando poi all’individuazione di una definizione di cicloturismo che possa individuare compiutamente il fenomeno, identificando le diverse tipologie dei soggetti che utilizzano la bicicletta all’interno della loro esperienza turistica.

Una successiva analisi della letteratura esistente e delle fonti statistiche e documentarie, nazionali e internazionali (riferimenti storici, normativi, economici e sociologici), ricostruisce l’evoluzione del fenomeno ponderando il peso dei fattori strutturali che possono influenzare la formazione delle rappresentazioni sociali inerenti al tema della ricerca.

Insomma il cicloturismo è una forma di turismo sostenibile, la cui complementarietà con l’uso di altri mezzi a ridotto impatto ambientale potrebbe diminuire gli impatti sia nelle destinazioni turistiche sia sulla rete stradale favorendo il turismo di prossimità e in aree attualmente marginalizzate da un punto di vista turistico, pur essendo appetibili da un punto di vista naturalistico e ambientale.

Raffaele Di Marcello, architetto, è dipendente della Provincia di Teramo nel servizio Urbanistica e Pianificazione Territoriale. Ha conseguito il master in Gestione degli enti locali, Multilevel Governance e sviluppo sostenibile, e il dottorato di ricerca in Sociology of regional and local development presso l’Università di Teramo.

Condividi: