Home Smart City Emissioni da scarico, incentivi dal Comune di Milano

Emissioni da scarico, incentivi dal Comune di Milano

pubblicato il: - ultima modifica: 12 Ottobre 2021
emissioni da scarico

emissioni da scaricoSono oltre 980mila euro i contributi per l’acquisto e l’installazione di filtri antiparticolato sui veicoli diesel destinati al trasporto merci che il Comune di Milano mette a disposizione attraverso un bando pubblicato per favorire la riduzione delle emissioni da scarico.

Per Marco Granelli, assessore alla Mobilità e Ambiente, gli amministratori e i cittadini devono collaborare fianco a fianco con l’obiettivo di migliorare la qualità dell’aria.

Con questo bando il Comune di Milano ha deciso di mettere quasi un milione di euro a disposizione di chi possiede veicoli diesel per il trasporto delle merci per incentivare l’installazione di filtri antiparticolato che abbattono le emissioni da scarico.

“È importante che ognuno faccia la sua parte e da parte nostra auspichiamo che anche Regione Lombardia contribuisca allo sforzo di ammodernamento dei mezzi e definisca misure strutturali che limitino la circolazione dei mezzi più inquinanti” conclude Granelli.

Il bando è aperto a tutti i veicoli destinati al trasporto merci appartenenti alle categorie N1 (veicoli destinati al trasporto di merci, aventi massa massima non superiore a 3,5t), N2 (veicoli destinati al trasporto di merci, aventi massa massima superiore a 3,5t ma non superiore a 12t) e N3 (veicoli destinati al trasporto di merci, aventi massa massima superiore a 12t), alimentati a gasolio classe Euro 0, Euro 1, Euro 2, Euro 3 ed Euro 4 di proprietà o in locazione finanziaria a imprese, aventi la propria sede legale o operativa in Lombardia.

Il contributo è destinato esclusivamente all’acquisto e installazione di dispositivi antiparticolato che garantiscono un valore di emissione della massa di particolato pari o inferiore al limite fissato dalla normativa per la categoria Euro 5 e non può essere cumulato con altri aiuti. L’entità del contributo erogato non può superare il 40% dei costi e 3.600 euro per ogni dispositivo.

Condividi: