Home Imprese Sostenibili Come scegliere sistemi di riscaldamento più convenienti e più green?

Come scegliere sistemi di riscaldamento più convenienti e più green?

pubblicato il: - ultima modifica: 12 Ottobre 2021
sistemi di riscaldamento

sistemi di riscaldamentoPer affrontare le rigide temperature invernali è possibile scegliere sistemi di riscaldamento a basso impatto ambientale, che consente anche di risparmiare.

Con l’avvicinarsi dell’inverno e il progressivo calo delle temperatura si tornerà presto ad accendere il riscaldamento, con inevitabili aumenti sulle bollette e disagi per l’ambiente, proprio a causa dell’aumento delle emissioni di gas altamente inquinanti.

Per contrastare questi due affetti negativi si possono scegliere delle soluzioni per il riscaldamento alternative, ovvero in grado di garantire non solo una riduzione delle spese, ma anche un minore impatto ambientale.

Le soluzioni sono davvero tante e consentono di soddisfare qualunque necessità o esigenza. Ma come scegliere il sistema di riscaldamento più conveniente e più green? Quali sono gli aspetti da valutare per compiere una scelta giusta?

Diciamo subito che la scelta dell’impianto di riscaldamento deve basarsi principalmente sulle caratteristiche dell’abitazione e del suo contesto ambientale; sulla potenza richiesta; sulla disponibilità di fonti energetiche e infine sulle necessità di utilizzo. Solo valutando questi aspetti è possibile ottenere una buona resa energetica e risparmiare sulla bolletta del gas.

Sistemi di riscaldamento alternativi: ecco alcune soluzioni

I sistemi di riscaldamento che permettono di risparmiare e di tutelare l’ambiente grazie all’impiego di fonti rinnovabili sono: quelli a pavimento, riscaldamento elettrico, a collettori solari, a raggi infrarossi e infine la caldaia a legno. Si tratta di soluzioni tutte conformi alle nuove linee guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici previste dal decreto interministeriale del 26 giugno 2015.

Vediamo quali sono le principali caratteristiche e i vantaggi di ognuno di questi sistemi di riscaldamento.

Riscaldamento a pavimento

È la soluzione più diffusa e presente nella maggior parte delle abitazioni di recente costruzione. È una soluzione semplice da installare che prevede costi molto contenuti sia per la realizzazione sia per la manutenzione.

La propagazione del calore avviene per irraggiamento ed è garantita su tutta la superficie dell’immobile. La temperatura interna si mantiene costante, compresa tra i 30/35°. Se collegato a un impianto a energia solare può anche garantire una notevole riduzione delle spese, delle temperature confortevoli e in pieno rispetto dell’ambiente.

Riscaldamento elettrico

La possibilità di ridurre i consumi è massima se la produzione di elettricità è affidata a sistemi basati sull’impiego di fonti rinnovabili, come per esempio un impianto fotovoltaico. Infatti la possibilità di ottimizzare i consumi e ridurli quasi a zero è proporzionale alla quantità di energia autoprodotta, che di fatto azzera i costi di esercizio. Il costo iniziale dipende dalla tipologia di impianto e dai materiali scelti.

Collettori solari

Tra quelli maggiormente adottati per il riscaldamento domestico, segnaliamo due diversi tipi: i collettori piani e quelli a concentrazione. Il primo tipo può essere utilizzato anche se il cielo è nuvoloso e non richiede costi elevati per l’installazione; il secondo – a concentrazione – si basa solo sulla radiazione diretta ma è in grado di assicurare il raggiungimento di temperature più elevate. Scegliendo uno di questi sistemi si ottiene un notevole risparmio, abbattendo i costi del combustibile del 50% circa.

Riscaldamento infrarossi

Grazie alle onde elettromagnetiche assicura un rapido riscaldamento degli ambienti interni, limitando la dispersione. Sfruttando lo stesso meccanismo dell’irraggiamento solare, questo sistema utilizza gli infrarossi per scaldare direttamente persone e oggetti presenti nella casa, saldando passaggi intermedi. Inoltre il calore prodotto è assolutamente pulito, ecologico e addirittura benefico per il sistema immunitario. Un ulteriore vantaggio è la forte riduzione dei consumi e quindi anche dei costi.

Caldaia a legna

Si tratta di una soluzione diffusa specialmente nei luoghi isolati e nelle zone particolarmente fredde. Il mercato propone diverse soluzioni, come: stufe a pellet, a legna o a mais, tutte in grado assicurare un livello abbastanza elevato di efficienza energetica e affidabilità. Un altro aspetto da non sottovalutare è l’assenza di fumi tossici, visto che questi sistemi si basano sulla combustione di materiali naturali.

Condividi: