Home Eventi Pixel Art Urbana, In the name of Africa, per il World Food...

Pixel Art Urbana, In the name of Africa, per il World Food Day

pixel art urbana

pixel art urbanaIn the name of Africa, evento di Pixel Art urbana, sabato 8 ottobre in piazza Duomo a Milano a partire dalle 9 metterà in scena il più grande evento di arte e solidarietà al mondo, focalizzato all’impegno contro la fame in Mozambico e all’impegno nella prevenzione e recupero degli sprechi alimentari.

L’iniziativa si svolge in occasione del World Food Day, la Giornata mondiale dell’Alimentazione, di domenica 16 ottobre che anche quest’anno metterà in evidenza il paradosso del nostro tempo e del nostro pianeta, fra scarsità e sovrabbondanza, fra sottoalimentazione e spreco.

Sulla terra 795 milioni di persone non ha abbastanza cibo, si tratta di una persona su 9.

E l’Africa Sub-sahariana è la regione con la più alta incidenza (percentuale della popolazione) della fame: 1 persona su 4 è sottoalimentata. Quasi un milione di bambini in Africa soffre di malnutrizione grave: la loro sopravvivenza è ancora appesa a un filo, condizionata dall’accesso e disponibilità di cibo.

Piazza Duomo diventerà il palcoscenico della Pixel Art Urbana e sarà apparecchiata con 10mila piatti vuoti, bianchi e blu, a simboleggiare fame e malnutrizione: 10mila piatti vuoti che formeranno la scritta Spreco Zero e poi l’immagine dell’Africa – simbolo della Fame. Ogni spettatore sarà invitato a riempire un piatto vuoto e a dare il suo contributo prezioso (7 euro) per vincere la fame.

“AfricHandProject in continuità con AfricaMilkProject, premiato a Expo 2015 come Best Practice mondiale, sottolinea l’impegno e la coerenza di Cefa che continua a nutrire il pianeta” spiega Patrizia Farolini, presidente Cefa.

Con l’aiuto di tutti, famiglie, bambini, scuole, volontari, scout, turisti, passanti, i piatti bianchi, sul disegno dell’Africa, saranno riempiti con spighe, palloncini gialli tenuti a terra da sacchetti di grano: ne uscirà il disegno di un campo di grano, con papaveri e fili d’erba, simbolo della vittoria sulla fame.

Il ricavato della giornata sosterrà il progetto AfricHandProject, una filiera lattiero-casearia, in grado di generare cibo e lavoro per le comunità rurali, perché queste possano uscire per sempre dalla povertà, nel distretto di Beira, in Mozambico, progetto che verrà presentato ufficialmente proprio in piazza Duomo.

È chiara ed evidente la correlazione fra i temi della malnutrizione e della fame da un lato, la questione dello spreco alimentare dall’altro.

Per questo nel 2016 la riflessione su questi temi si incrocerà in due eventi di piazza che renderanno visibile e immediatamente chiaro il focus grazie alla coreografia di impatto straordinario, ma che offriranno anche contenuti, dati, motivi di dibattito e novità sui progetti in atto nella speciale Area Press dedicata alla stampa ma anche al pubblico.

L’evento di Pixel Art Urbana, organizzato in sinergia con le Municipalità di Milano e Bologna ha coinvolto nelle passate edizioni decine di migliaia di spettatori e ha registrato una straordinaria visibilità sui media e sui social.

In the name of Africa 2016 è patrocinato dai Comuni di Milano, Bologna, Genova, Trento e Reggio Emilia. Sostengono l’evento anche tre partner della campagna Spreco Zero: Camst, Conapi Mielizia e Rotary Distretto 2072.

Condividi: