Home Imprese Sostenibili Cambiamenti climatici: incontri e dibattiti in Sardegna

Cambiamenti climatici: incontri e dibattiti in Sardegna

pubblicato il: - ultima modifica: 7 Agosto 2020
sostenibilità e green planner news
Foto di anncapictures da Pixabay

cambiamenti climaticiLa Sardegna diventa il cuore del dibattito scientifico su uno dei temi di più grande attualità in questi giorni: la lotta ai cambiamenti climatici.

A Cagliari, la Conferenza Annuale della SISC, Società Italiana per le Scienze del Clima, il 19 e 20 ottobre, presso Facoltà di Ingegneria e Agricoltura dell’Università di Cagliari (Via Marengo 2/Piazza d’Armi).

A seguire, il 21 ottobre, l’incontro Affrontare l’obiettivo di restare sotto i 2°C – esperienze e buone pratiche a livello regionale e un dialogo con i cittadini sui cambiamenti climatici, nell’ambito degli eventi locali del Comitato Europeo delle Regioni (CdR) denominati Parliamo d’Europa.

La diplomazia internazionale dà il via al più importante accordo mai siglato sui cambiamenti climatici, un testo che chiamerà in causa settori produttivi, le economie, la finanza, la gestione del territorio e dell’ambiente, la produzione e i consumi energetici, la sicurezza e la produzione alimentare e molti altri argomenti di enorme rilevanza a livello sia globale e regionale.

Per analizzare sfide, soluzioni e opportunità che questa nuova situazione metterà in campo è necessario ricorrere alla migliore scienza disponibile (letteralmente nel trattato: the best available science) e alla più capace collaborazione multidisciplinare che la scienza saprà animare.

Da questa prospettiva nasce l’edizione 2016 della Conferenza Annuale della SISC dal titolo Climate challenges and solutions under the 2°C target.

L’evento si aprirà la mattina di mercoledì 19 ottobre, alle ore 11, con gli interventi di Donatella Spano, Presidente della SISC e Assessore alla Difesa dell’Ambiente della Regione Sardegna, che illustrerà l’importanza della Conferenza, la sua rilevanza per la comunità scientifica e per i decisori pubblici. Seguiranno poi, dopo un saluto inviato dal Presidente Francesco Pigliaru, interventi di Micaela Morelli (Università degli Studi di Cagliari, Prorettore alla Ricerca), Corrado Zompi (Università degli Studi di Cagliari, Preside Facoltà di Ingegneria e Architettura), Luca Gabriele Deidda (Università degli Studi di Sassari, Prorettore Vicario), Roberto Furesi (Università degli Studi di Sassari – Direttore Dip.to di Scienze della Natura e del Territorio).

Ciascuna delle due giornate sarà aperta da autorevoli esperti di livello internazionale, come per esempio Andrea Karpati, che dirige il settore dedicato alle politiche climatiche nell’ambito di Climate-KIC, il più grande network europeo che coinvolge imprese private, istituti di ricerca ed enti pubblici, sull’innovazione applicata ai cambiamenti climatici.

La mattina del 19 ottobre (ore 12) Andrea Karpati, all’indomani della ratifica dell’accordo di Parigi da parte dell’Unione Europea e alla vigilia dell’entrata in vigore del Trattato prevista per il 4 novembre, illustrerà scenari e soluzioni per tradurre le parole dell’accordo in pratica attraverso l’attivo coinvolgimento di imprese e pubbliche amministrazioni.

Il 20 ottobre, con inizio alle ore 8:30, sarà la volta di Fiamma Straneo che, giunta in Italia da un centro di ricerca di assoluta eccellenza nel campo della ricerca sul mare come la statunitense Woods Hole Oceanographic Institution, illustrerà le conseguenze della dinamica dello scioglimento dei ghiacci della Groenlandia.

La due giorni si comporrà poi delle sessioni parallele che affronteranno numerosi aspetti dello studio e degli impatti dei cambiamenti climatici sulla società, sull’ambiente e sull’economia, dai fenomeni fisici alle conseguenze sull’agricoltura, sulle coste, oltre a temi rilevanti quali la riduzione delle emissioni di gas a effetto serra e il ruolo delle regioni nella definizioni di politiche efficaci.

Attenzione speciale all’agricoltura sarà dedicata da parte del Workshop incentrato su approfondimenti in questo settore ed è organizzato da SECTEUR, un progetto che vede la collaborazione tra imprese e altre organizzazioni di capire come i dati climatici possano contribuire a migliorare questo genere di attività produttive.

Il 21 ottobre, al di fuori della conferenza, sarà ancora il clima al centro dell’attenzione: un dialogo con i cittadini organizzato dal Comitato delle Europeo Regioni dell’Unione europea. L’incontro dal titolo Affrontare l’obiettivo di restare sotto i 2°C – esperienze e buone pratiche a livello regionale e un dialogo con i cittadini sul cambiamento climatico è realizzato in collaborazione con la SISC e La Fondazione CMCC, nell’ambito degli eventi locali del Comitato Europeo delle Regioni (CdR) denominati Parliamo d’Europa.

Condividi: