Home Eventi Birra alla spina: può aiutare a salvare il mondo?

Birra alla spina: può aiutare a salvare il mondo?

città: Rimini - pubblicato il: - ultima modifica: 12 Marzo 2019
birra alla spina carlsberg

Può una birra alla spina contribuire a salvare il mondo? Sembra una domanda provocatoria ma, in realtà, la risposta non è né scontata né ironica.

Il perché una birra alla spina possa salvare il mondo si può scoprire a Ecomondo, nel locale Ho.Re.Ca. di Carlsberg Italia e Celli Group che sfruttano l’occasione per mostrare, dal vivo, ai consumatori il loro impegno sulle tematiche dell’innovazione e della sostenibilità.

Per questo motivo Carlsberg Italia e Celli Group, raccontano la loro collaborazione partecipando insieme a Ecomondo 2016, la fiera internazionale del recupero di materia ed energia e dello sviluppo sostenibile, in programma dall’8 all’11 novembre negli spazi di Rimini Fiera.

Lo spazio espositivo, in cui sarà possibile gustare una bevanda o una birra alla spina sarà all’interno di Città Sostenibile, una scelta non casuale; questa è infatti l’area di Ecomondo in cui le aziende portano soluzioni, tecnologie e progetti che consentono di migliorare la qualità di vita dei cittadini e di favorire lo sviluppo dei territori in chiave sostenibile.

Lo stand realizzato da Carlsberg Italia e da Celli Group riproduce un locale Ho.Re.Ca, dominato da un grande banco di spillatura, dove, partecipando agli eventi organizzati durante la giornata, sarà possibile degustare alcune delle birre di Carlsberg Italia e l’acqua alla spina Celli della divisione Alma, nonché scoprire i benefici della spillatura di bevande.

La birra alla spina Carlsberg verrà spillata senza CO2 aggiunta grazie al sistema DraughtMaster Modular 20 che utilizza fusti in PET al posto dei tradizionali in acciaio e il cui ridotto impatto ambientale è certificato dall’analisi LCA (Life Cycle Assessment). Questo sistema si avvale della tecnologia realizzata da Celli Group.

infografica carlsberg - birra alla spina

Gli impianti Geo Green di Celli, infatti, permettono prestazioni elevate con una riduzione dei consumi energetici fino al 79% grazie a componenti completamente energy-saving e all’utilizzo del gas refrigerante ecologico R290 dal basso indice di GWP.

Gli erogatori d’acqua consentono di attingere dalla rete idrica acqua di qualità a km0 e sono progettati per valorizzarla e averla sempre pura e fresca.

Il locale è stato studiato per coinvolgere e incuriosire il consumatore a 360°, anche grazie alla collaborazione con 3 eccellenze italiane che hanno fatto della qualità e della sostenibilità gli elementi fondanti della loro attività: Alce Nero, LessMore e Lucart che con i loro prodotti contribuiranno a far vivere un’esperienza di sostenibilità a tutto tondo.

Condividi: