Home Imprese Sostenibili Bonus gas per le famiglie a basso reddito, come funziona

Bonus gas per le famiglie a basso reddito, come funziona

pubblicato il: - ultima modifica: 12 Ottobre 2021
agevolazione bonus gas

agevolazione bonus gasPer accedere all’agevolazione del bonus gas è necessario possedere alcuni requisiti, primo fra tutti un reddito Isee inferiore ai 7.500 euro.

Le bollette del gas e del riscaldamento rappresentano un’importante voce di spesa nei bilanci di molte famiglie italiane, soprattutto per quelle che vivono in condizioni economiche disagiate.

Con l’avanzare della stagione invernale e il progressivo calo delle temperature torneranno infatti ad aumentare i consumi di gas e quindi anche gli importi delle bollette, che di certo metteranno in difficoltà non poche famiglie.

Proprio per garantire un valido sostegno economico a queste particolari fasce della popolazione, il Governo italiano ha introdotto già da qualche anno il bonus gas che consente di avere uno sconto sugli importi delle bollette.

Come richiedere il bonus gas?

Potranno richiedere il bonus gas solo coloro che dimostreranno di possedere alcuni requisiti, principalmente di tipo reddituale. La normativa prevede a tal proposito un reddito Isee di 7.500 euro per ogni nucleo familiare che potrà salire a 20.000 euro nel caso di famiglie con più di tre figli fiscalmente a carico.

Per presentare la propria domanda bisognerà compilare l’apposita domanda reperibile presso di uffici del proprio Comune di residenza o scaricabile dall’apposita sezione del sito del SGAte, il Sistema di Gestione delle Agevolazioni sulle tariffe energetiche.

La richiesta dovrà essere accompagnata anche da:

  • ultimo modello Isee, utile per attestare la situazione economica del nucleo familiare
  • un documento di identità valido del richiedente che dovrà corrispondere all’intestatario del contratto di fornitura
  • un’autocertificazione che attesti l’uso domestico del gas
  • l’indicazione del codice Pdr, che indica il punto di prelievo del gas da parte del cliente e che sarà reperibile da qualunque bolletta del gas

Quanto dura l’agevolazione del bonus gas?

Grazie al regime di compensazione, le famiglie disagiate potranno avvalersi per un anno intero di uno sconto nelle bollette della fornitura del gas metano naturale. L’importo del bonus gas sarà calcolato sulla base di alcuni fattori, come per esempio le finalità di impiego, la zona climatica di appartenenza e il numero di persone che compongono il nucleo familiare.

La somma prevista dall’agevolazione del bonus gas verrà quindi ripartita su tutte le bollette che si riceveranno a partire dalla data di accettazione della richiesta.

Fornire dei dati falsi, o corrispondenti anche parzialmente alla realtà potrebbe comportare la sospensione del bonus gas. Se rispetto alla prima richiesta dovessero esserci delle variazioni in merito al reddito del nucleo familiare o al numero dei componenti del nucleo familiare o un cambio di residenza, il richiedente sarà obbligato a darne comunicazione. Non sono invece previste segnalazioni in caso di passaggio a un nuovo fornitore.

Esistono delle alternative al bonus gas?

Trattandosi di una forma di sostegno rivolta esclusivamente alle famiglie che vivono in una condizione economica difficile, saranno quindi esclusi dall’agevolazione tutti coloro che non possiedono i requisiti reddituali richiesti.

In questo caso l’unico modo per risparmiare sulla bolletta del gas sarà imparare a gestire in modo razionale il riscaldamento, cercando di ottimizzare l’impiego delle risorse energetiche e evitando qualsiasi forma di spreco. In questo modo i vantaggi si rifletteranno non solo sulle proprie finanze, ma anche sull’ambiente.

Per ridurre i consumi del riscaldamento è possibile adottare tante piccole strategie, tra le più semplici e immediate da seguire ci sono le seguenti:

  • impostare una temperatura interna compresa tra i 20-22 gradi
  • dotarsi di un termostato, in modo da programmare l’ora di accensione e spegnimento del riscaldamento
  • controllare la perfetta chiusura di porte e finestre per evitare fughe di calore
  • effettuare una periodica manutenzione degli impianti
  • verificare lo stato di isolamento termico della propria abitazione e/o dell’intero edificio
Condividi: