Home Imprese Sostenibili Rifiuti urbani: in Lombardia diminuiti di 60 kg in 10 anni

Rifiuti urbani: in Lombardia diminuiti di 60 kg in 10 anni

città: Milano - pubblicato il:
diminuzione rifiuti urbani

diminuzione rifiuti urbaniUna dieta ferrea quella operata sui rifiuti urbani in Lombardia: negli ultimi 10 anni, infatti, la pattumiera delle case lombarde è arrivata a pesare 60 kg in meno all’anno.

La positiva notizia viene data dalla Coldiretti regionale, alla vigilia dell’apertura della Settimana europea per la riduzione dei rifiuti, grazie a un’analisi dettagliata basata sui dati dell’Arpa.

La produzione di rifiuti urbani per singolo abitante è infatti passata dai 518 chili del 2006 a meno di 458 a fine 2015, mentre la raccolta differenziata è passata dal 43,9 al 59%. I risultati sono ascrivibili sicuramente alla maggiore attenzione dal punto di vista ambientale dei cittadini, sensibilizzati dai comuni che hanno anche avviato nuove procedure di raccolta.

Fra i capoluoghi di provincia lombardi, quello che ha ridotto maggiormente i rifiuti urbani è Como, con un calo di oltre 145 chili di immondizia pro-capite; Mantova – che registra una riduzione di 137 kg di spazzatura, ha invece il record di incremento della raccolta differenziata, passata dal 36 a più del 77%.

A seguire, superando la soglia dei cento chili di riduzione, ci sono Sondrio e Lodi; mentre Milano è poco sopra la media regionale con un taglio di 67,51 chili in dieci anni e una produzione di circa 496 chili di immondizia per abitante. A livello assoluto è Brescia che ha i bidoni più pesanti con oltre 685 chili a testa all’anno e un calo di poco meno di 28 chili dal 2006.

tabella rifiuti urbani
Mappa dei rifiuti in Lombardia (fonte Coldiretti Lombardia)

Anche il settore agricolo un ottimo livello di riutilizzo degli scarti negli ultimi 10 anni: dal riciclo della carta e degli imballaggi a quello delle manichette di plastica per l’irrigazione, dalla concimazione naturale con gli effluenti da allevamento fino alla produzione di compost per i terreni con gli sfalci verdi o con gli scarti umidi delle filiera a km zero dei 1.600 agriturismi lombardi.

Ma non è tutt’oro quello che luccica… non mancano infatti i problemi. Almeno un’azienda agricola su due negli ultimi dieci anni è dovuta intervenire per ripulire campi o fossati da immondizia abbandonata da altri, soprattutto nel perimetro delle città, come per esempio Milano.

Condividi: