Home Green Jobs Investire nei rendimenti green con Lifegate e Banca Sella

Investire nei rendimenti green con Lifegate e Banca Sella

pubblicato il: - ultima modifica: 5 Agosto 2020
lifegate investimenti green

lifegate investimenti greenIl fondo a impatto sociale e ambientale di Sella Gestioni SGR, società di gestione del risparmio del Gruppo Banca Sella, si rinforza con l’appoggio di Lifegate.

Target del fondo è identificabile in chi vuole ottenere rendimenti investendo in un settore – quello della green economy – che garantisca il rispetto dell’ambiente e del sociale.

Sono questi i presupposti di Investimenti Sostenibili Lifegate, il fondo comune d’investimento a impatto (impact investing) ora quotato in Borsa Italiana.

Già offerto da qualche anno (con rendimenti altalenanti), il fondo godrà ora del supporto tecnico informativo di Lifegate.

“I tempi sono maturi e da quanto è emerso da Cop22” rilfette Enea Roveda, Ceo del Gruppo LifeGate “mancano all’appello 100 miliardi di dollari da destinare alle politiche di contenimento dei cambiamenti climatici”.

I settori su cui lavorerà il fondo sono quelli tipici del settore della Sostenibilità, Supporto Ambientale, Accesso alla Finanza, Assistenza Sanitaria, Alimentazione e Agricoltura sostenibile, Edilizia Sostenibile ed Educazione.

Dall’ultimo sondaggio presentando da Lifegate su dati dall’Istituto Eumetra Monterosa risulta che:

  • il 30% degli italiani conosce o ha sentito parlare di investimenti con una particolare attenzione alla sostenibilità sociale e ambientale (focus 25-34 anni)
  • il 17% degli intervistati è interessata a investire i propri risparmi in un investimento di tipo sostenibile (focus 35-44 anni)
  • il 68% degli italiani, a parità di rendimento predilige un investimento sostenibile (focus 18-54 anni)

Unico rammarico riconosciuto anche da Nicola Trivelli, Ceo di Sella Gestioni SGR mentre ci sono gli italiani che voglio investire sulla Sostenibilità, mancano – o meglio sono poche o sono piccole – le aziende selezionabili su cui investire.

“Per questo stiamo ragionando anche su mini bond” precisa il manager.

Condividi: