Home Green Jobs SHAPE, un progetto che ci aiuta a comprende i processi catalitici

SHAPE, un progetto che ci aiuta a comprende i processi catalitici

città: Milano - pubblicato il:
progetto shape polimi

progetto shape polimiIn quale modo funzionano i processi catalitici – che rivestono un ruolo cruciale in processi quali la produzione di ammoniaca, di carburanti o di idrogeno, per esempio – su scala atomica potrebbe dircelo il progetto SHAPE del Politecnico di Milano.

Il progetto SHAPE si pone infatti l’obiettivo di mettere a punto modelli microcinetici struttura-dipendenti che aiutino a comprendere come funzionano, su scala atomica, i processi catalitici industriali.

Lo studio si focalizza principalmente sulla catalisi eterogenea, ovvero quella parte di processi in cui i catalizzatori, che sono materiali specifici che intervengono durante lo svolgimento di una reazione chimica, accelerano selettivamente la velocità di alcuni tipi di reazione.

Queste specie chimiche rivestono sono fondamentali in diversi processi, per esempio quelli per la produzione di ammoniaca utilizzata nei fertilizzanti, per la produzione di carburanti e di idrogeno e per l’abbattimento di inquinanti da sorgenti mobili, come gli ossidi di azoto delle nostre auto.

SHAPE, acronimo di Structure-dependent microkinetic modelling of heterogeneous catalytic processes, è un progetto guidato da Matteo Maestri del Politecnico di Milano e finanziato da un ERC Starting Grant 2015 di un milione e mezzo di euro che lavorerà 5 anni per porre le basi per la nano-ingegnerizzazione dei processi catalitici, aprendo nuove possibilità per l’ottimizzazione di processi industriali esistenti e per lo sviluppo di nuove produzioni più efficienti e sostenibili per l’ambiente.

I processi che verranno studiati saranno in particolare il reforming catalitico a basso tempo di contatto di idrocarburi per la produzione di idrogeno in ambito energetico e l’attivazione di CO2. L’approccio sarà interdisciplinare, con contributi sperimentali e teorici dalla scienza dei materiali e dalla chimica-fisica, all’ingegneria chimica.

Matteo Maestri dal 2015 è Professore Associato di Ingegneria Chimica presso il Politecnico di Milano ed è principal investigator di diversi progetti di ricerca sia industriali sia pubblici tra cui ERC StG 2015 (European Research Council) e SIR 2014 (Scientific Independence of Young Researchers) del Miur. I suoi interessi di ricerca riguardano lo studio dettagliato dei meccanismi di reazione e della modellazione multiscala ai principi primi di processi catalitici eterogenei nell’ambito della produzione di energia e della chimica industriale.

Condividi: