Home Agricoltura 4.0 Maltempo, danni incalcolabili nelle campagne

Maltempo, danni incalcolabili nelle campagne

pubblicato il: - ultima modifica: 6 Agosto 2020
maltempo

maltempoIl periodo di emergenza maltempo è alle spalle – con limitati danni alle persone – e comincia la conta dei danni che, al momento, per quanto riguarda le campagne è pesante.

I nubifragi e le bombe d’acqua dei giorni scorsi stanno lasciando il segno sull’agricoltura italiana anche se, per il momento non è possibile fare una stima precisa dei danni; il monitoraggio che sta effettuando la CIA, confederazione degli agricoltori italiani, nei territori più toccati dal maltempo lascia però poco spazio all’ottimismo: l’ordine di grandezza è di milioni di euro.

Al Nord le province in cui si sono verificati i maggiori disagi all’agricoltura sono Asti, Cuneo e Alessandria; problemi anche sul versante ligure, con tanta pioggia nelle province di Imperia e Albenga.

Se le prime attenzioni sono state rivolte ai centri urbani, anche per le attività agricole c’è forte preoccupazione: oltre ai danni materiali ad attrezzature e strutture (serre in particolare) si aggiungono quelli della logistica, che tocca gli allevamenti zootecnici, ma anche le coltivazioni orticole in pieno campo (verdure autunnali).

Per la CIA adesso è necessario che il Governo, oltre a recepire lo stato di calamità, intervenga inserendo misure dedicate già nell’attuale Legge di Bilancio. Infatti, le zone agricole investite dal maltempo costituiscono un serbatoio importante per l’economia complessiva del settore primario in Italia.

Vini di pregio e tradizione nei formaggi di qualità e nelle orticole: Piemonte e Liguria insieme generano una produzione agricola che vale 4,5 miliardi di euro e ben 2,4 miliardi di valore aggiunto. Da sole coprono circa il 15% dell’export agroalimentare del Paese toccando quota 5,5 miliardi di euro movimentati ogni anno.

Il maltempo non sta risparmiando neanche le campagne del Centro Italia ma la situazione, per il momento, desta meno preoccupazione con danni da ritenersi fisiologici vista la quantità d’acqua caduta con violenza in poche ore.

Condividi: