Home Imprese Sostenibili Cyberfed, progetti hi-tech per il territorio piacentino

Cyberfed, progetti hi-tech per il territorio piacentino

pubblicato il: - ultima modifica: 7 Agosto 2020
cyberfed

cyberfedIl Consorzio di Bonifica di Piacenza ha presentato il partner tecnico Cyberfed che si è aggiudicato il bando di gara per la realizzazione dei droni dotati di tecnologie utili al controllo e alla salvaguardia del territorio piacentino.

Sui droni, realizzati dalla trentina Cyberfed, saranno installate opportune strumentazioni per la rilevazione di precisione, la mappatura, la raccolta e l’elaborazione di dati utili all’agricoltura di precisione per la coltura di prodotti rispoarmiando quanto più possibile la risorsa idrica.

Cyberfed, startup trentina di Gian Pietro Fedrigoni, supporta già gli operatori del settore dell’agricoltura di precisione con molteplici analisi, mediante l’utilizzo di fotocamere multispettrali e mediante la costruzione di sistemi a pilotaggio remoto per il monitoraggio del territorio, delle foreste, dello stato della vegetazione e della corretta maturazione delle coltivazioni.

Inoltre, recentemente, la società ha ottenuto la seconda licenza italiana autorizzata ENAC per effettuare i voli EVLOSExtended Visual Line of Sight – che garantiscono un raggio di azione del monitoraggio molto più ampio offrendo opportunità nuove in campo civile nel settore del pilotaggio coordinato anche tra più persone.

Ma l’occasione – oltre che per il controllo del territorio piacentino – è interessante anche per i giovani perché il Consorzio di Bonifica di Piacenza ha voluto dare spazio, all’interno della startup Cybercid, agli studenti piacentini coinvolgendoli nell’elaborazione tecnico-scientifica del drone, dando loro l’opportunità di aumentare la loro conoscenza diretta del settore alla ricerca di nuovi modelli di sviluppo sostenibile e servizio a difesa del proprio ambiente.

“Crediamo nell’innovazione che parta dai più giovani” ha commentato Gemmati “e vogliamo che gli studenti siano parte rilevante del nostro percorso. Come lo facciamo? Con due progetti da realizzare insieme a esperti del settore: un sistema di rilevamento remoto in grado di fornire informazioni immediate e dirette alle nostre banche dati operative e l’altra sarà una App legata al sistema consortile Web Gis (consultabile direttamente dal portale del Consorzio di Bonifica) per la gestione della cartografia numerica e geografica”.

Condividi: