Home Smart City Italian Mountain Lab, progetto per sviluppare le aree montane

Italian Mountain Lab, progetto per sviluppare le aree montane

pubblicato il: - ultima modifica: 13 Ottobre 2021
Italian Mountain Lab

Italian Mountain LabUn progetto per lo sviluppo delle aree montane: è Italian Mountain Lab, coordinato dal Centro di eccellenza Università della Montagna dell’Università Statale di Milano che si prefigge l’attivazione di un network di ricerca internazionale sui settori strategici delle aree interne e montane del Paese.

Italian Mountain Lab è stato scelto dal Cipe, il Comitato interministeriale di programmazione economica, con altri 9 progetti di ricerca, ai quali saranno destinati gli oltre 32 milioni di euro di finanziamento del Fondo integrativo speciale per la ricerca (FISR) 2015 e 2016, privilegiando temi che vanno dal monitoraggio dei rischi sismici, alla ricerca nei settori strategici dell’agri‐food.

Italian Mountain Lab è sviluppato dalla Statale di Milano in collaborazione con l’Università degli Studi del Piemonte Orientale e con l’Università degli Studi della Tuscia.

La decisione del Cipe valorizza e incoraggia l’esperienza fatta dal Centro di eccellenza dell’Università Statale ‐ nato grazie all’accordo con il MIUR, Ministero dell’Università e della Ricerca ‐ che ha intessuto negli anni una fitta rete di contatti europei, e che oggi partecipa ai principali tavoli di lavoro in tema di strategie nazionali ed europee per lo sviluppo delle aree interne e della macroregione alpina.

Italian Mountain Lab riconosce la rilevanza strategica dell’operato e dell’esperienza consolidata del Centro di eccellenza della Statale; attraverso questo progetto si potranno sviluppare progetti di ricerca e formazione che riguardano sia l’arco alpino, con la collaborazione dell’Università del Piemonte orientale, sia l’avamposto appenninico rappresentato dall’Università della Tuscia.

Tra i punti centrali di Italian Mountain Lab ci sono anche le attività di divulgazione del sapere legato all’ambiente montano e il supporto agli enti territoriali in termini di proposte innovative.

Condividi: